Green pass e controllo in azienda: l'app, come funziona, i dubbi del decreto

Green pass e controllo in azienda: l'app, come funziona, i dubbi del decreto
Corriere della Sera INTERNO

La modalità. Altro aspetto che non mancherà di sollevare dubbi sarà quello legato alle modalità dei controlli: già all’ingresso oppure in un momento successivo?

Come noto, chi non presenterà il green pass non potrà lavorare e verrà considerato assente ingiustificato.

È comunque in cantiere una «nuova funzionalità», costruita da Sogei, che attraverso «la verifica asincrona di un elenco dei codici fiscali dei dipendenti» eviterebbe l’esame quotidiano dei green pass dei dipendenti

Anche loro dovranno dunque chiedere il green pass?

L’app di verifica del green pass. (Corriere della Sera)

Se ne è parlato anche su altre testate

I numeri. Secondo le stime sarebbero poco più di 300 mila i lavoratori del Veneto senza il certificato verde. “Lunedì prossimo 210mila lavoratori del Veneto non potranno recarsi in fabbrica o in ufficio perché impossibilitati a farsi il tampone per ottenere il Green pass. (TgVerona)

Infatti il lavoratore che accede al luogo di lavoro senza greenpass è soggetto, con provvedimento del prefetto, a una sanzione amministrativa che va da 600 a 1.500 euro. Quando serve il greenpass? (Today.it)

Il green pass serve in smart working? Parrucchieri ed estetisti e gli altri operatori dei servizi alla persona non dovranno controllare il green pass dei propri clienti. (FirenzeToday)

No tamponi gratis. Green pass, con l'obbligo le prime dosi del vaccino cresciute del 46%

Tante materie prime e prodotti agricoli sono aumentati e continuano ad aumentare come già segnalato a luglio in questo mio articolo Ha dovuto accollarsi il costo dei tamponi per poter mantenere la forza produttiva a pieno, e quindi aumentare i suoi costi di gestione. (Oggi Treviso)

Il Comitato dei lavoratori del porto (Clpt) ha confermato il blocco davanti al varco 4 dello scalo a partire dalle prime ore della giornata. I lavoratori i portuali di Trieste però sono pronti a scendere a patti, infatti affermano che sono “pronti a discutere se obbligo slitta a 30 ottobre” (Ck12 Giornale)

Le rilevazioni sono relative al periodo tra il 16 settembre e 13 ottobre: senza il Green Pass le prime dosi attese erano 1.208.272; con l'approvazione dell'obbligo si sono invece registrate 1.768.226 prime somministrazioni. (Il Giornale di Vicenza)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr