La rivolta dei librai romani contro “Più Libri Più Liberi”

La rivolta dei librai romani contro “Più Libri Più Liberi”
La Stampa CULTURA E SPETTACOLO

E fermo restando che nei mesi autunnali non è facile trovare uno spiraglio tra Mantova e Pordenone e Milano, per citare solo i festival più noti, a questo punto non resta che trovare la famosa quadra: più che uomini di fama, ce ne vorrebbero di buona volontà.

Ora, per carità: come in tutti i luoghi comuni, anche in quello che da tempo immemorabile circola nel settore e recita «i librai piangono sempre» c’è un fondo di verità; ma il fatto che il periodo natalizio corrisponda spesso a circa il 30% del fatturato annuo della maggior parte delle librerie è un dato purtroppo incontestabile. (La Stampa)

Su altri giornali

Le istituzioni devono impegnarsi per evitare che la concorrenza schiacci le librerie, soprattutto nei giorni più vitali per la loro sopravvivenza”, conclude Milana Capitolo chiuso quest’anno per i librai di Roma, che serrano le braccia in difesa della cultura e dei loro diritti. (RomaToday)

Nel frattempo, se decidessero di organizzare una fiera come Più libri, più libri nel mese di febbraio, in un periodo più tranquillo per la città, noi ci saremmo. E allora sì che sarebbe davvero una promozione culturale per il bene di tutti» conclude la presidente dei librai romani (Corriere Roma)

Più Libri Più Liberi 2021: ecco programma e ospiti

A cura di IILA – Organizzazione Internazionale Italo-Latino Americana. 6 dicembre ore 10.00 presso l’Arena Robinson: Lezioni di giornalismo, con Angelo Melone. 6 dicembre ore 11.00 presso l’Auditorium: Ti Leggo. (Sololibri.net)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr