Rifiuti a Roma, spariti i cassonetti davanti alle sedi delle Federazioni: «Una discarica a cielo aperto»

ilmessaggero.it INTERNO

Non ci sono più i cassonetti dei rifiuti a via Vitorchiano, Roma Nord.

E la sindaca Virginia Raggi ha firmato, il 15 luglio, l'ordinanza che formalizza la riapertura della discarica ad Albano Laziale.

Via Vitorchiano è una via dove ci sono molti uffici e anche un circolo sportivo.

APPROFONDIMENTI ROMA Riapre la discarica di Albano Laziale IL CASO A Settecamini class action contro Ama L'ALLARME Strade senza cassonetti dei rifiuti LA MOBILITAZIONE Rifiuti a Roma, bloccata la Tuscolana ROMA Montesacro, distrutti quattro mezzi Ama nella notte ROMA Foto. (ilmessaggero.it)

Su altre fonti

Un compito che spetta non solo alle amministrazioni e gestori privati, ma anche di chi lo vive e dunque di residenti, villeggianti e turisti. Per attuare una raccolta differenziata di qualità (frazioni sempre più omogenee), è necessario ottenere il pieno consenso degli utenti che diventano protagonisti della prima fase del processo di recupero dei rifiuti a tutela dell’ambiente. (Quotidiano online)

Siamo stati lasciati soli, irresponsabilmente, da chi dovrebbe supportarci nell’esclusivo interesse dei cittadini che, fino a prova contraria, ancora fanno parte della Regione Lazio. Lo ha affermato il Sindaco di Anzio, Candido De Angelis, in cosante contatto con la Prefettura e con tutte le Istituzioni per fronteggiare l’emergenza rifiuti nel Lazio (Il Clandestino Giornale)

"Scongiurata l'ennesima emergenza rifiuti di mezza estate. Mi auguro che questa ennesima emergenza sia da sprone alla ripresa della naturale interlocuzione che deve esiste tra enti votati al governo del territorio come dimostrato per la soluzione dell'attuale emergenza causata dalla chiusura di un solo impianto a gestione privata (latinaoggi.eu)

Ce lo chiediamo perché sappiamo essere il sindaco un “esperto” di bonifiche e di ambiente. Sono le parole riportate sulla pagina Facebook “Vincenzo Voce sindaco”. (wesud)

Nella recente ordinanza la Regione ammette che tra luglio e settembre potremmo portare fuori dalla Calabria 10mila tonnellate di rifiuti «a prezzi esorbitanti». (Gazzetta del Sud - Edizione Calabria)

«Restiamo in attesa – ha concluso il sindaco Succurro – che si formalizzi il pagamento dei riferiti ristori a favore del Comune di San Giovanni in Fiore e nel frattempo provvediamo alla verifica puntuale delle condizioni della strada di accesso alla discarica di Vetrano» (Quotidiano del Sud)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr