Vaccino, Zaia: «Spero che Draghi ci aiuti a rimpinguare le dosi»

Vaccino, Zaia: «Spero che Draghi ci aiuti a rimpinguare le dosi»
Il Messaggero INTERNO

«Spero che il presidente Draghi, dall'alto della sua autorità indiscussa, ci possa dare una mano per rimpinguare le scorte di vaccini».

Lo ha detto Luca Zaia, presidente della regione Veneto, nel corso dell'aggiornamento odierno alla stampa.

Facebook Zaia Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev agenziavista.it

(Il Messaggero)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Se ciascuno di noi sarà responsabile nel contenere il virus riusciremo prima a liberarci da questa pandemia Il Covid Hospital di Jesolo accoglie infatti attualmente 17 persone nell’area malattie infettive. (Nordest24.it)

«Nel primo incontro con il nuovo governo, in vista del nuovo dpcm, ho chiesto che il nucleo del Comitato tecnico scientifico sia rivisto e rinforzato, perché ci serve un punto di riferimento. Lo ha detto Luca Zaia, presidente della regione Veneto, nel corso dell'aggiornamento odierno alla stampa. (Il Messaggero)

Se i positivi aumentano ancora in modo lieve, così come i ricoveri in terapia intensiva, calano invece leggermente quelli in area non critica. È quanto si nota dall'aggiornamento delle ore 17 del 25 febbraio di Azienda Zero, che registra altri 473 tamponi positivi al Sars-CoV-2 in Veneto e 11 decessi. (VeronaSera)

Covid-19, cresce ancora il numero di positivi in Veneto. Lieve il calo dei ricoveri

Stiamo parlando di oltre il 30% dei vaccini, - ha concluso Possamai - una prudenza che appare esagerata» Di queste 24.284 sono state somministate nell'Ulss 7 Pedemontana e 33.118 nell'Ulss 8 Berica. (VicenzaToday)

Si comincia con la fase 1/A rivolta ai sanitari e agli operatori e agli ospiti delle Rsa, le case di riposo per intenderci, poi c’è la fase 1/B degli over 80 che abitano a casa propria”. Tutta colpa dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, è il ragionamento, a cui il Veneto si sarebbe adeguato. (Il Fatto Quotidiano)

Negli ospedali di comunità veronesi infine risultano ricoverati 21 pazienti positivi: 3 a Bovolone, 1 a Peschiera e 17 a Bussolengo Negli ospedali del Veneto risultano ora ricoverate 1217 (-22) persone nelle varie aree non critiche, 793 delle quali ancora positive, e 134 (+1) in terapia intensiva, di cui 28 ora negativizzate. (VeronaSera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr