Padre e figlio uccisi e chiusi in sacchi di plastica a Cerignola

Padre e figlio uccisi e chiusi in sacchi di plastica a Cerignola
Puglia INTERNO

I loro corpi erano chiusi in sacchi di plastica bianchi.

L’uomo avrebbe agito perché Gerardo Cirillo aveva contratto un debito di circa 10mila euro nei suoi confronti.

Il provvedimento sarà oggetto del vaglio del Gip presso il Tribunale di Foggia nei tempi previsti dalla legge.

Dalla questura di Foggia l'uomo è stato successivamente trasferito in carcere, dove è stato ascoltato dal pm Marangelli

Un 45enne Trinitapoli, Giuseppe Rendina, il presunto assassino di Gerardo e Davide Pasquale Cirillo, padre e figlio di 58 e 27 anni, trovati morti domenica scorsa in un terreno agricolo vicino a un casolare di Cerignola (Puglia)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Confermate le indiscrezioni di qualche giorno fa sul possibile movente del duplice omicidio dei cerignolani Gerardo e Pasquale Cirillo, padre e figlio di 58 e 27 anni, trovati morti con un colpo di pistola alla nuca in un terreno tra le campagne di Cerignola e Manfredonia. (l'Immediato)

Sono parole del prefetto di Foggia, Maurizio Valiante, che nel giorno del suo insediamento ha voluto subito esprimere compiacimento per “l’immediata, capillare ed efficace attività investigativa della Polizia di Stato e dei Carabinieri” che ha portato al fermo di una persona di Trinitapoli indiziata del duplice omicidio di Gerardo e Davide Pasquale Cirillo, padre e figlio di 58 e 27 anni, trovati senza vita lo scorso 31 luglio nelle campagne di Cerignola (FoggiaToday)

I corpi sono stati poi avvolti in sacchi di plastica e nascosti sotto un cumulo di tubicini per l’irrigazione Giuseppe Rendina avrebbe giustiziato le due vittime con un colpo di pistola alla nuca. (Calabria 7)

Foggia, «Padre e figlio uccisi per un debito di 10mila euro»: arrestato un uomo

Come riportato da Ansa, l’indagato avrebbe dichiarato di conoscere Gerardo Cirillo per questioni di lavoro. Rendina, che si è dichiarato innocente, è stato arrestato nel suo appartamento di Trinitapoli (Bat). (Open)

*** NOTIZIA IN AGGIORNAMENTO**** (CerignolaViva)

Stando a quanto trapelato, l'indagato avrebbe dichiarato di conoscere Gerardo Cirillo per questioni di lavoro. APPROFONDIMENTI FOGGIA Foggia, sette omicidi dall'inizio dell'anno e otto vittime. Un colpo di pistola alla nuca. (quotidianodipuglia.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr