Selvaggia Lucarelli: «Io aggredita alla manifestazione dei no-pass»

Selvaggia Lucarelli: «Io aggredita alla manifestazione dei no-pass»
La Nuova Sardegna SALUTE

Per il solo fatto di chiedere “perché è qui oggi?” sono stata aggredita in ogni modo possibile».

«Sul suo profilo Twitter da un milione di follower Selvaggia Lucarelli denuncia un'aggressione subita mentre filmava la manifestazione no-green pass di Roma, cui hanno preso parte 4.000 persone .

Non è più possibile tollerare situazioni come quella vista al Circo Massimo»

«Ieri sono andata al Circo Massimo per la manifestazione no-vax con cappello, occhiali, mascherina – racconta – Nessuno sapeva chi fossi. (La Nuova Sardegna)

Se ne è parlato anche su altre testate

Un messaggio di vicinanza è arrivato anche dal presidente del Senato Elisabetta Casellati: “Esprimo solidarietà alla giornalista Selvaggia Lucarelli aggredita mentre esercitava il diritto di fare informazione. (Livesicilia.it)

La blogger ha pubblicato in versione integrale il video delle violenze subite sul sito de Il Domani. È un maestro di pugilato della provincia di Roma l’autore dell’aggressione alla giornalista Selvaggia Lucarelli, colpita dall’uomo durante la manifestazione «no pass» a Roma di domenica scorsa. (Fidelity News)

«Lunari: mi hanno detto che “il Covid non esiste”, che “ci uccideranno tutti”, che “con il vaccino mi hanno iniettato il grafene”. Selvaggia Lucarelli racconta al Corriere l’aggressione subita al Circo Massimo, a Roma, nel corso della manifestazione no green pass di sabato, con un tono provato e preoccupato. (Corriere della Sera)

Facci rompe il fronte di solidarietà alla Lucarelli: «Dai No Green pass per cercare l’incidente»

Questo quanto dichiarato da Daniela Martani attraverso la sua pagina Facebook. Nell’atto di allontanarli, la mia mano con la pigna ha toccato il telefono di quella che si è rivelata essere Selvaggia Lucarelli (Baritalia News)

Selvaggia Lucarelli, inviata per “Domani” al Circo Massimo per documentare la manifestazione dei no vax, cercava idee strampalate e ha trovato di peggio. Mentre il giornalismo dovrebbe essere rispettato, giacché è una delle poche luci in un periodo tanto buio, invece viene demonizzato (Lanterna)

L’editorialista di Libero oggi rompe il fronte della solidarietà nei confronti della giornalista di Domani dopo l’aggressione a testate dal No Green pass Roberto Di Blasio al Circo Massimo. L’editorialista di Libero all’attacco: «Non credo che fosse irriconoscibile, oggi se c’è un incidente con un giornalista nelle redazioni brindano». (Open)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr