Il ricordo di Buffardi e Moscardini a 40 anni dall'incidente di Vermicino: “Fatto tutto il possibile per salvare il piccolo Alfredo”

Il ricordo di Buffardi e Moscardini a 40 anni dall'incidente di Vermicino: “Fatto tutto il possibile per salvare il piccolo Alfredo”
TRC Giornale INTERNO

Tra chi è stato impegnato in prima linea c’erano anche Manlio Buffardi, l’ultimo pompiere sopravvissuto tra quelli impegnati a Vermicino, e Piero Moscardini che si trovava invece nella sala operativa

Il 10 giugno del 1981 Alfredo Rampi, un bimbo di sei anni, cadde in un pozzo artesiano nella campagna di una piccola frazione in provincia di Frascati.

Per tre giorni e tre notti Vigili del Fuoco e speleologi lavorarono senza sosta per cercare di trarre in salvo il piccolo Alfredino che purtroppo morì il 13 giugno. (TRC Giornale)

Ne parlano anche altre fonti

E di quanto ancor più avverta ancora oggi quella fatica nel riuscire ad accettare pienamente l’inefficacia dei tentativi messi in atto al tempo per salvare la vita ad Alfredino (Yeslife)

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE > > > Angelo Licheri lacrime a La Vita in Diretta: tentai di salvare Alfredino. Angelo Licheri, com’è la sua vita oggi? Lui è Angelo Licheri, uno dei soccorritori di Alfredino Rampi. (YouMovies)

Alfredino era magro, aveva sei anni, soffriva della Tetralogia di Fallot che causa una difficoltà di ossigenazione del sangue. Un pozzo artesiano viene perforato per captare una falda acquifera sotterranea che scorre in pressione e per effetto della pressione idrostatica tende a salire fino a uscire (Il Riformista)

Angelo Licheri: chi è, biografia, storia, moglie, figli, malattia, senza gamba e Alfredino Rampi

La moglie, i figli e la malattia di Angelo Licheri. Chi è Angelo Licheri, l’Angelo di Vermicino, età, la malattia, Alfredino Rampi, la moglie e i figli. (Blitz quotidiano)

Era il 13 giugno 1981 quando l’Italia intera accoglieva con estremo dolore la notizia della scomparsa di Alfredino Rampi. La famiglia e la mamma di Alfredino Rampi oggi. I genitori di Alfredino Rampi, poco dopo la scomparsa del bambino, hanno creato un centro intitolato al bambino, in prima linea nella cultura della Protezione civile (Cinematographe.it - FilmIsNow)

È giunto il momento perché il destino attraverso la buona volontà della persona forse ricompensare Angelo, per questo gesto eroico. In seguito si seppe, infatti, il proprietario del pozzo, quando la copertura disegno sfasciata, aveva coperto il posto con il bandone intorno alle 21, non immaginando che potesse esservi qualcuno dentro. (ControCopertina)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr