Gianluigi Aponte, la scalata infinita del re della blue economy

La Repubblica ECONOMIA

Ha più di 600 navi, ma finora un solo aereo, un jet privato che usa per i suoi (rarissimi) spostamenti da Ginevra dove ha scelto di vivere ormai da più di cinquant'anni, lui che è originario della penisola sorrentina.

81 anni, un patrimonio stimato in oltre 30 miliardi di euro, Gianluigi Aponte ha deciso di unire alla prima flotta al mondo nel trasporto dei container, la sua Msc, gli aerei di Ita in alleanza con Lufthansa

(La Repubblica)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Classe 1940, nato a Sant’Agnello, penisola sorrentina, Aponte vive da molti anni a Ginevra, in Svizzera, dove il Gruppo Msc ha il quartier generale. Quanto a diversificare, Ita Airways non è il primo approccio di Aponte agli aerei e alla compagnia di bandiera italiana (L'Agenzia di Viaggi)

Una accelerazione sull’operazione, dopo le indiscrezioni degli ultimi giorni secondo cui la compagnia tedesca sarebbe stata pronta a rilevare il 40% del capitale. Ieri Msc ha svelato le sue carte, con l’annuncio di aver manifestato al Governo italiano il proprio interesse ad acquisire una quota di maggioranza in Ita Airways. (Calcio e Finanza)

Oltre a Msc e Lufthansa, anche la francese Air France-Klm, affiancata dall’americana Delta Air Lines, ha mostrato interesse per Ita. L’affare Ita Airways. Msc e Lufthansa chiedono che il governo, oggi proprietario del 100% di Ita, mantenga una quota di minoranza. (Forbes Italia)

Oggi, nel gruppo ci sono anche Terminal Investment Limited (TiL), Medlog e per il trasporto passeggeri Grandi Navi Veloci (Gnv) e Snav. Se a farlo è un armatore con la storia di Gianluigi Aponte, la notizia assume un significato rilevante. (L'HuffPost)

Da fine 2021 è il primo armatore al mondo di container, avendo scavalcato con la sua Msc (Mediterranean shipping company) la danese Maersk. Gianluigi Aponte, con il Gruppo Msc, ha presentato al governo italiano una manifestazione di interesse per acquisire una quota di maggioranza di Ita Airways (si vocifera il 40%), con Lufthansa partner industriale. (L'Agenzia di Viaggi)

In Italia dà lavoro a 15 mila persone ed è appena partito un piano di 600 assunzioni nella divisione Nell’arco di 52 anni il «comandante» è passato dalla gestione di un’unica nave di seconda mano, battezzata Patricia, a circa 500 navi cargo che operano a livello mondiale. (Corriere della Sera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr