TURISMO ESTERO: SERVONO MISURE PIU' CHIARE AL RIENTRO

TURISMO ESTERO: SERVONO MISURE PIU' CHIARE AL RIENTRO
Redazione AriaMediterranea INTERNO

Un paradosso, quello indicato dal Codacons che ha presentato una diffida al Governo italiano.

La vaccinazione anti-Covid ha un valore diverso negli altri Paesi rispetto all'Italia.

Ad oggi, anche se vaccinati, gli italiani per rientrare dovrnano sottoporsi a tampone molecolare o antigenico effettuato 48 ore prima dell’ingresso e, in alcuni casi, alla quarantena obbligatoria.

C'è ancora incertezza sui viaggi all'estero. (Redazione AriaMediterranea)

La notizia riportata su altri giornali

Così il nuovo numero cartaceo (e sfogliabile online) de L’Agenzia di Viaggi Magazine, in uscita martedì 15 giugno, indaga abitudini e trend del family tourism per l’estate 2021 fornendo una serie di consigli e strumenti per vendere in agenzie il prodotto più adatto. (L'Agenzia di Viaggi)

Ma la domanda che molti si fanno in queste settimane è: si può viaggiare con una sola dose di vaccino? I Paesi dove si può viaggiare con una sola dose di vaccino. Nonostante il Green Pass sia stato approvato dall’Unione Europea, al momento ogni Stato ha le sue regole per permettere l’accesso ai turisti, quindi prima di partire è importante sapere dove si può entrare con una sola dose di vaccino. (ViaggiNews.com)

Prenotare l’alloggio estivo tramite Airbnb, Booking.com e piattaforme similari è ormai una consuetudine diffusa, ma cosa succede se dobbiamo rinunciare al soggiorno causa Covid-19? Non su tutti i siti delle compagnie di navigazione si trovano riferimenti specifici circa la modifica o l’annullamento di un passaggio in nave causa Covid-19, quindi valgono le clausole delle singole compagnie. (QUOTIDIANO NAZIONALE)

Columbus To a tutto Mediterraneo: partita la campagna per spingere il prodotto

Garavaglia e la lenta ripresa. del turismo internazionale. . . . . . . Mentre sono partiti gli accrediti delle seconde tranche del primo fondo perduto per agenzie e tour operator, cerotto sulle ferite del turismo organizzato, uno spiraglio di ripresa operativa in vista dell’estate sembra esserci. (L'Agenzia di Viaggi)

Le bellezze e l’unicità che caratterizzano il nostro Paese non sono ritenute sufficienti, inoltre, a garantire da sole la ripresa del settore. Il dito viene puntato contro le regioni: secondo l’84% degli intervistati, il turismo non dovrebbe essere di loro competenza. (La Repubblica)

Con la consapevolezza certo che potremo capire solo a settembre come saranno effettivamente andate le vendite“ Il tutto all’insegna della strategia già adottata da tempo da Columbus, che è quella di puntare a un target medio-alto, senza andare in contrasto con gli altri operatori più generalisti su queste stesse destinazioni. (Travel Quotidiano)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr