Covid, controlli dei forestali: 4 sanzioni per spostamenti senza motivo

Covid, controlli dei forestali: 4 sanzioni per spostamenti senza motivo
La Nuova Sardegna INTERNO

Sono ripresi da lunedì 22 marzo i controlli realizzati dal Corpo forestale della Regione per vigilare sul rispetto delle regole stabilite per l’emergenza sanitaria da Covid-19.

Tra le ore 18 del 5 aprile e le ore 18 del 6 aprile, sono stati effettuati 1.133 controlli negli scali aeroportuali e portuali: 579 nell’aeroporto di Cagliari e 103 in quello di Alghero; 345 nel porto di Olbia, 63 in quello di Porto Torres, 40 a Cagliari e 3 a Santa Teresa di Gallura (La Nuova Sardegna)

Ne parlano anche altre testate

Il bollettino riporta ora 2.177 nominativi (+63 in una settimana), di cui i deceduti sono diventati 64, una persona in più rispetto al bollettino di 8 giorni fa. (Prima Monza)

Possono indurre effetti più o meno importanti, altre mutazioni possono indurre una resistenza al vaccino. Abbiamo individuato questa variante che ha delle mutazioni caratteristiche: si chiama A.27, una variante vista già in Slovenia, Francia, Svizzera, Regno Unito. (Casteddu Online)

«Il rischio è molto alto se c'è qualcuno che tossisce o che parla ad alta voce», dice Rasi. Ci sono stati studi che addirittura hanno dimostrato che, a determinate temperature e a condizioni climatiche stabili, senza alcun intervento esterno, il virus può addirittura sopravvivere 28 giorni. (Il Messaggero)

Covid in ospedale a Padova, trenta contagiati tra il personale: allarme in due reparti

La campagna di adesioni è stata aperta ai nati dal 1947 al 1951 esenti dal ticket per patologia. Le persone che si registrano sulla piattaforma saranno poi contattate con un sms che riporterà l'indicazione di luogo e ora della vaccinazione. (La Nuova Sardegna)

Per la politica, la maggioranza cerca di superare le fibrillazioni con un vertice che servi a smussare gli angoli. (La Nuova Sardegna)

7 Aprile 2021. di Mauro Giacon. (Lettura 4 minuti). 252. 252. . PADOVA - Nei due ospedali cittadini il momento è delicato per due motivi. L’area subintensiva dove si curano i pazienti con ridotta possibilità respiratoria grazie ai ventilatori ha toccato nei due giorni di festa il massimo, 50 accolti. (ilmessaggero.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr