'Ndrangheta, il boss padrone di un hotel in Liguria

'Ndrangheta, il boss padrone di un hotel in Liguria
LaC news24 LaC news24 (Interno)

Pio sarebbe diventato il "padrone" dell'Hotel del Golfo di Finale Ligure e avrebbe imposto che la sua compagna «soggiornasse gratuitamente in una suite riservata».

Tra loro c'è Alfonso Pio, 52 anni e figlio di Domenico, boss del clan della 'ndrangheta di Desio (Monza).

La notizia riportata su altre testate

In questo episodio, Scirea, come risultato dall'inchiesta, aveva fatto arrivare a casa della vittima un biglietto anonimo in cui si leggeva: "Siamo passati a trovarti". (Milano Fanpage.it)

Si torna quindi a parlare di ‘ndrangheta in provincia di Cuneo dopo che sulla presunta presenza di organizzazioni criminali di stampo mafioso attive nell’Astigiano, con interessamento dell’albese e nella zona di Carmagnola erano state avviate tre inchieste che hanno portato a tre procedimenti. (Cuneo24)

L'attività investigativa è stata coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Torino.Tra gli indagati ci sono tre carabinieri e due agenti di polizia penitenziaria. 'ndrangheta, indagine a Torino: tra gli indagati carabinieri e agenti polizia penitenziaria. (Rai News)

E’ quanto ha smascherato l’operazione della Dda di Milano, condotta dalla polizia postale, che ha portato all’arresto di 4 persone. I clan, in una logica ormai consolidata, provavano ad entrare nell’economia della zona prima con le estorsioni e poi prestando somme di denaro a tassi altissimi. (Gazzetta del Sud - Edizione Calabria)

È accaduto a Monza, dove il gestore del negozio, insieme ad altre 4 persone che facevano da pusher, aveva messo in piedi una rete di spaccio nel territorio monzese e nelle province di Milano e Pavia. Usava la macelleria etnica come base per acquistare e smerciare cocaina. (MilanoToday.it)

Play Replay Play Replay Pausa Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio Indietro di 10 secondi Avanti di 10 secondi Spot Attiva schermo intero Disattiva schermo intero Skip Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi. (MilanoToday.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr