Servono sangue e plasma: il sindaco di Asti condivide l’appello dell’Avis nazionale a donare

Servono sangue e plasma: il sindaco di Asti condivide l’appello dell’Avis nazionale a donare
ATNews INTERNO

L’AVIS nazionale ha evidenziato che la variante Omicron sta causando criticità anche nel settore trasfusionale: infatti, a seguito dell’incremento del numero dei contagi, in alcune zone del Paese emergono problemi nella raccolta e questa flessione potrebbe aggravarsi nelle prossime settimane.

A tal proposito, è intervenuto in questi giorni il presidente Avis Nazionale, Gianpietro Briola, che, nel ricordare ai donatori di prevenire in ogni modo la diffusione del virus, ha invitato la cittadinanza ad iniziare a donare sangue e plasma, sottolineando che si tratta di un gesto etico e solidale. (ATNews)

La notizia riportata su altre testate

Ed è “probabile”, secondo il Centro nazionale sangue che ha lanciato l’allarme, un “peggioramento” nel breve periodo che arriverebbe a causare il “rinvio di interventi in chirurgia elettiva” in vari ospedali d’Italia per “preservare le scorte di emocomponenti”. (Il Fatto Quotidiano)

Variante Omicron, l’Avis lancia l’allarme: donazioni in calo L’incremento dei contagi da Covid-19 per via della rapida diffusione della variante Omicron sta causando disagi anche a livello trasfusionale: l’appello del presidente di Avis Regionale Lombardia, Oscar Bianchi. (L'Eco di Bergamo)

Carenza di sangue anche all’ azienda ospedaliera universitaria di Salerno. Il numero dei donatori di sangue, presso l’Azienda Ospedaliera Universitaria San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona di Salerno è sempre più esiguo. (Battipaglia 1929)

Emergenza trasfusioni al Ruggi: scarseggiano le sacche di sangue, appello ai donatori

Senza fare allarmismo, il problema esiste ed è oggettivo, a gennaio c’è sempre una flessione nelle donazioni ma quest’anno, anche se al momento non ho i dati precisi, è più accentuata” “Noi stiamo chiamando come al solito – spiega il presidente dell’Avis Comunale di Pavia Stefano Marchesotti – ma incontriamo più difficoltà a far venire i donatori perchè tanti sono in isolamento e autosorveglianza. (La Provincia Pavese)

E' possibile prenotare telefonicamente la donazione Insomma, facciamo tutto per assicurare la massima sicurezza nella nostra sede di via Pio XI a Salerno e sui nostri mezzi mobili. (SalernoToday)

A lanciare l’allarme – come riporta oggi il quotidiano “Le Cronache” scaricabile online – è il dottor dottore Ferdinando Annarumma, Direttore del Servizio Immunoematologia e Medicina Trasfusionale del Nosocomio Salernitano, che rivolge un accorato appello alla popolazione, per esortarla a compiere un gesto di altruismo e di generosità che potrebbe salvare molte vite, proprio attraverso la donazione di sangue, con le sacche che ormai scarseggiano. (Salernonotizie.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr