Riforma fiscale. Abolizione dell’Irap anche per studi associati e STP

Riforma fiscale. Abolizione dell’Irap anche per studi associati e STP
Approfondimenti:
InvestireOggi.it INTERNO

Cosa cambia con la riforma fiscale?

In particolare, a decorrere dal periodo d’imposta in corso al 1° gennaio 2022, l’ultima legge di bilancio (legge n.

Si è svolta ieri presso l’Aula di Montecitorio la discussione del disegno di legge di delega al Governo per la riforma fiscale.

Ad ogni modo, l’abolizione dell’Irap dovrà avvenire con priorità: per le società di persone, gli studi associati e le società tra professionisti

La situazione attuale. (InvestireOggi.it)

Ne parlano anche altre fonti

La delega al Governo ad adottare decreti legislativi per la revisione del sistema fiscale. Un impianto complessivo che resta tuttavia sulla carta senza i decreti attuativi. La delega indica i principi e i criteri direttivi che dovranno essere utilizzati per l’integrazione delle informazioni presenti nel catasto dei fabbricati (da rendere disponibile a decorrere dal 1° gennaio 2026) (Il Sole 24 ORE)

La riforma si articola su quattro cardini:Il testo delega il Governo per razionalizzare e semplificare il sistema tributario con particolare riguardo agli adempimenti dichiarativi e di versamento a carico dei contribuenti, al fine di ridurre i costi di adempimento, di gestione e di amministrazione del sistema fiscale anche attraverso il rigoroso rispetto, da parte dell’Amministrazione Finanziaria, del divieto di richiedere al contribuente documenti già in possesso delle PA. (Fiscal Focus)

Riforma fiscale, nell’articolo 10 della legge delega niente aumento della pressione tributaria. Riforma fiscale, sono 10 gli articoli che compongono il testo della legge delega attualmente all’esame del Parlamento. (Informazione Fiscale)

Ddl delega fiscale: ok da Camera con 322 sì, passa al Senato: dal catasto ai dati anti-evasione

La delega fiscale è in calendario lunedì in Aula alla Camera. Si è concluso l’esame della delega fiscale in commissione Finanze alla Camera, iniziato sette mesi fa. (Il Sole 24 ORE)

Il catasto. Di particolare rilievo l'articolo 6 della delega relativo al catasto, che è stato interamente riscritto. Dopo un lungo braccio di ferro, arriva il sì da parte della Camera al Ddl delega fiscale. (ilGiornale.it)

Semplificazione e digitalizzazione degli adempimenti (evitando di chiedere ai contribuenti informazioni già in possesso dell'amministrazione), revisione del catasto ma senza effetti fiscali diretti, cashback fiscale sulle spese sanitarie direttamente in conto corrente, graduale superamento della flat tax e dell'Irap, sono solamente alcuni dei temi che il Governo dovrà declinare in decreti legislativi attuativi, entro diciotto mesi dall'entrata in vigore della legge delega. (La Stampa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr