Tesla dice addio a Model Y Standard Range

Tom's Hardware Italia ECONOMIA

La Model Y SR RWD è quindi durata meno di 2 mesi sul configuratore Tesla e veniva proposta ad un prezzo di partenza di 41.990 $; la conferma ufficiale di questa rimozione è arrivata da Twitter stesso dove Musk ha nuovamente commentato a riguardo sottolineando che l’autonomia non rappresenta il livello di eccellenza standard richiesto da Tesla stessa e che verranno onorati solo gli ordini già effettuati. (Tom's Hardware Italia)

Ne parlano anche altri media

Come già accennato, Tesla potrebbe perdere presto il suo primato nel settore delle auto elettriche. Il campo di battaglia sarà proprio l’Europa, dove Tesla inizia già a confrontarsi con correnti molto agguerriti (Greenstyle.it)

La Model Y è per ora disponibile solo negli Stati Uniti e in Cina, mentre per l'Europa si attenda la messa in opera della fabbrica di Berlino. Questa pratica renderà certamente gli ordini inferiori di molto, per via del fatto che molti utenti non a conoscenza della cosa non sapranno nemmeno dell'esistenza della variante Standard Range. (DMove.it)

In un’intervista su Bloomberg con Emily Chang, Gates ha suggerito che Musk ha accesso a tecniche sofisticate di gestione delle operazioni che l’investitore medio non può utilizzare. Il fondatore di Microsoft, Bill Gates, ha messo in guardia i potenziali compratori di Bitcoin (BTC) intenzionati a seguire la strategia d’investimento applicata da Elon Musk. (Cointelegraph Italia)

La Tesla Model Y SR non è scomparsa: si ordina "fuori menù" perché a Musk non piace

La politica ha infatti segnalato che, a suo avviso, i bitcoin hanno natura speculativa e non possono essere utilizzati come strumenti di pagamento Continuano le vendite sul titolo Tesla, che durante il pre-market ha perso il -6,37% di capitalizzazione a 669 dollari per azione, sulla scia del trend ribassista iniziato nella giornata di ieri. (Milano Finanza)

Inoltre, l'azienda avrebbe ottenuto «1,5 miliardi di dollari in sussidi ambientali nel 2020, finanziati dai contribuenti», per poi spenderne altri «1,5 miliardi nei Bitcoin, una pratica che mette in dubbio il senso stesso del sussidio». (Ticinonline)

Un investimento fatto nell'ottica di «maggiore flessibilità per diversificare ulteriormente e massimizzare i rendimenti sul nostro contante». esla avrebbe guadagnato (sulla carta) all'incirca un miliardo di dollari investendo in Bitcoin. (Ticinonline)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr