Tutto positivo il Ftse Mib

Tutto positivo il Ftse Mib
La Provincia Pavese ECONOMIA

Nessuna azione con il segno meno sul listino principale, mentre le prestazioni più brillanti sono state di Unipol (+4,00%), StMicroelectronics (+3,97%), Leonardo (+3,76%) e Pirelli (+3,58% )

Senza che nulla sia cambiato in concreto, i mercati sembrano aver messo momentaneamente da parte la preoccupazione il diffondersi della variante Delta.

La Borsa di Milano si riscatta dai recenti ribassi: alla vigilia di un’attesa riunione della Bce, l’indice Ftse Mib ha concluso la giornata in rialzo del 2,36% a 24.675 punti e l’All Share ha fatto +2,29% a 27.080 (cambio euro/dollaro -0,02% a 1,1772). (La Provincia Pavese)

Ne parlano anche altri giornali

Nel settore healthcare realizzi su Amplifon -1,7% mentre Diasorin sale ancora (+0,8%) per via della sua esposizione al tema del coronavirus Piazza Affari ieri ha faticato a centrare un rimbalzo dopo la pioggia di vendite della vigilia ma è riuscita comunque a chiudere positiva dopo alcuni cambi di direzione. (Notiziario Finanziario)

A fine giornata, comunque, l’indice FTse MIb di Piazza Affari riesce a chiudere sopra la soglia dei 24.000 punti, a 24.107,33, grazie a un rialzo dello +0,59%. Un clima di incertezza che alimenta la volatilità, misurata dall’indice Vix, che rimane elevato, segno di un certo nervosismo sui mercati. (Finanzaonline.com)

Anche l’Europa, dopo Wall Street (ieri in rally) prova quindi ad arginare i timori relativi alla variante Delta del Covid e al possibile impatto di nuove restrizioni sulla ripresa economica. Sulla Borsa di Milano oggi il Ftse Mib segna in chiusura +2,36% a 24.675 punti, migliore d’Europa, mentre Wall Street procede a sua volta positiva. (Finanza Report)

Borsa: Milano ottimista (+2,3%) con le banche, vola Unipol

Al di fuori del Ftse Mib, scende Retelit (-0,35%), il cui cda stamattina ha approvato da un punto di vista finanziario l'offerta il cui corrispettivo, fissato a 2,85 euro per azione Tra le più deboli, però, figurano le utilities, naturalmente più indifferenti alle fluttuazioni di mercato data la loro natura difensiva. (Milano Finanza)

La spinta arriva dalla rivale olandese Asml che ha diffuso numeri trimestrali incoraggianti e ha rivisto al rialzo le sue stime per l'intero anno. Il titolo del gruppo italo-francese dei chip mostra un rialzo di quasi il 3% che lo porta a un soffio dalla soglia dei 32 euro. (Finanza.com)

eduta di metà settimana ottimista per Piazza Affari (+2,3%), uno dei guadagni più elevati tra le principali Borse europee, tutte chiuse in positivo, alla vigilia della riunione di politica monetaria della Bce. (La Gazzetta del Mezzogiorno)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr