Eitan, si muove Israele: il nonno ai domiciliari. L’ex moglie indagata in Italia

Eitan, si muove Israele: il nonno ai domiciliari. L’ex moglie indagata in Italia
La Repubblica INTERNO

Il nonno Shmuel Peleg, che sabato ha sfruttato la visita di routine per condurre il nipotino in Israele, prelevandolo alla custodia della zia paterna Aya Biran, è stato interrogato ieri dalla polizia di Tel Aviv in seguito alla denuncia per sequestro di minore presentata domenica in Israele dal fratello di Aya, Hagai Biran

Tel Aviv - Al quarto giorno in cui il piccolo Eitan si trova in Israele — “rapito” o “salvato” a seconda delle versioni dei due rami familiari che se lo contendono — le autorità giudiziarie cominciano ad attivarsi. (La Repubblica)

Su altri media

"Il trasferimento di Eitan in Israele è avvenuto in maniera legale e dopo una consultazione con esperti di diritto". Peleg è stato posto agli arresti domiciliari fino a venerdì. (Liberoquotidiano.it)

Il nonno, ex soldato israeliano, è riuscito in qualche modo a prendere Eitan e portarlo in Israele. Eppure Shmuel Peleg, il nonno israeliano del piccolo, è riuscito ad aggirare i controlli e bypassare la legge, riuscendo a portare il piccolo, soggetto a divieto di espatrio, a Tel Aviv (Fanpage.it)

Nonno Peleg. "Il trasferimento di Eitan in Israele è avvenuto in maniera legale e dopo una consultazione con esperti di diritto". La polizia israeliana ha interrogato Shmuel Peleg, nonno di Eitan Biran, riguardo le accuse di aver "rapito il nipote e portato in Israele". (IL GIORNO)

La nonna materna di Eitan: 'Non c'è stato nessun rapimento. Voleva tornare in Israele già da molto tempo'

Media israeliani riportano intanto che Eitan si trova a casa del nonno a Petah Tikva, non lontano da Tel Aviv A comunicarlo è stata la Polizia, che ha preso la decisione dopo aver interrogato l’uomo: per lui l’accusa è quella di rapimento. (Notizia Oggi Borgosesia -)

Poco pericolosa". EITAN, AI DOMICILIARI IN ISRAELE IL NONNO MATERNO. Al sequestro, a detta degli inquirenti, avrebbe preso parte in qualche modo anche la nonna materna, ovvero Ester “Etty” Peleg. Intanto in serata l’ambasciata israeliana ha dichiarato: “Ci occupiamo del caso Eitan in collaborazione con l’Italia“ (Il Sussidiario.net)

14 settembre 2021 Link Embed. Voleva tornare in Israele già da molto tempo". "La situazione di Eitan è grave, non c'è stato nessun rapimento. (Repubblica TV)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr