Turchia, Michel: Necessaria de-escalation per agenda più costruttiva

Turchia, Michel: Necessaria de-escalation per agenda più costruttiva
LaPresse ESTERI

Milano, 6 apr.

(LaPresse) – Con la Turchia “È necessaria una prolungata de-escalation per sviluppare un’agenda più costruttiva”.

I due leader discuteranno con il presidente turco Recep Tayyip Erdogan del futuro delle relazioni Ue-Turchia

Lo ha scritto su Twitter il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, oggi in visita ad Ankara insieme alla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. (LaPresse)

La notizia riportata su altre testate

Almeno 16 colpi di artiglieria da 120 millimetri sarebbero stati esplosi dalle forze regolari di Kiev fuori dall'abitato di Kalynove-Borshchevate. Un simile scenario, ha spiegato Peskov, farebbe aumentare la tensione spingendo la Russia «ad adottare misure aggiuntive per garantire la propria sicurezza» (ilGiornale.it)

La sicurezza dei siti è un requisiti essenziale per poter procedere, mi sono state date rassicurazioni importanti”. (LaPresse) – “E’ un momento unico per ricostruire, per guardare al futuro e per muoversi con celerità e decisione. (LaPresse)

In secondo luogo, i due esponenti hanno anche affrontato il rafforzamento della sinergia in ambito militare tra Stati Uniti e Ucraina. Allo stesso modo la fregata Admiral Gorshkov ha testato con successo il sistema missilistico terra-aria Poliment-Redut nel Mare di Barents (Startmag Web magazine)

Cannonate dell'esercito ucraino contro la milizia indipendentista nel Donbass

Ieri era stato lo stesso Zelensky ad accusare Mosca di “ammassare” truppe al confine del suo Paese. Continua a materializzarsi sempre di più l’atmosfera da nuova ‘guerra fredda’ tra Russia e Usa: ora è la volta della disputa sul territorio ucraino e della Crimea. (Imola Oggi)

Conoscitori del dossier ucraino, nonché formulatori del piano sanzionatorio, Biden e Blinken saprebbero come massimizzare il profitto da un ritorno alla guerra nel Donbass Riaprire il fronte Donbass equivarrebbe a distogliere l’attenzione del Cremlino dalla penisola, esponendola a sabotaggi ed altre operazioni asimmetriche. (InsideOver)

Per poi aggiungere: "Chiediamo agli osservatori internazionali e alla direzione dell'Osce di registrare un altro caso di grave violazione del cessate il fuoco da parte ucraina" Il portavoce della milizia, Yakov Osadchy ha detto che le unità della Lpr "per garantire la sicurezza della popolazione civile della repubblica, sono state costrette a rispondere al fuoco con armi che non sono proibite dagli accordi di Minsk contro le posizioni nemiche utilizzate per l'attacco". (AGI - Agenzia Italia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr