Nove anni di carcere a Brittney Griner

Nove anni di carcere a Brittney Griner
Più informazioni:
RSI.ch Informazione ESTERI

La procura aveva chiesto una pena di 9 anni e mezzo, quasi il massimo possibile.

Al Cremlino potrebbe invece far gola il trafficante di armi Viktor Bout, condannato a 25 anni nel 2012.

La prima detiene fra gli altri l'ex diplomatico e insegnante Marc Fogel, pure per reati legati alla droga, e Paul Whelan, condannato per spionaggio.

La giocatrice di basket statunitense Brittney Griner è stata riconosciuta colpevole di contrabbando di droga da un tribunale alle porte di Mosca e condannata a 9 anni di carcere e una multa di un milione di rubli. (RSI.ch Informazione)

Su altre fonti

Come tutti sapete, abbiamo fatto un'offerta sostanziosa per riportare a casa lei e Paul Whelan. Esortiamo la Russia ad accettare tale proposta. (Tiscali Notizie)

La storia della Griner l’avevamo raccontata qualche settimana fa, perché dietro il caso giuridico si nasconde, neanche troppo velatamente, un contrasto geopolitico tra USA e Russia. «L’impegno della NBA e della WNBA per un suo ritorno in sicurezza non è mai vacillato, la nostra speranza è essere vicini alla fine di questo processo e riportare finalmente Brittney Griner a casa» (Orticalab)

L’olio di hashish, usato come antidolorifico da molti atleti perché ha meno effetti collaterali di altri analgesici, è lecito negli Stati Uniti ma vietato in Russia. Trentun anni, 2,06 metri d’altezza, risultati da star dovunque abbia giocato, Griner si è subito dichiarata colpevole: «Ho fatto le valigie in fretta, dopo il Covid. (Corriere della Sera)

Russia-Cina: Casa Bianca, Mosca accetti scambio prigionieri

Griner dovrà pagare anche una multa di un milione di rubli, corrispondente a circa 15 mila euro. Brittney Griner, campionessa di basket due volte medaglia olimpica, è stata condannata a 9 anni di carcere dal Tribunale russo di Khimki, a Mosca, per traffico di droga. (L'INDIPENDENTE)

Peskov non ha commentato la condanna a 9 anni di carcere della star del basket statunitense Brittney Griner, accusata di traffico e possesso di droga. Così Karine Jean-Pierre, portavoce della Casa Bianca, sul caso della cestista americana condannata a nove anni di carcere in Russia. (LAPRESSE)

Lo ha detto la portavoce della Casa Bianca, Karine Jean-Pierre, sottolineando che gli Stati Uniti “sono pronti a fare tutti i passi necessari” per riportare a casa i loro cittadini “illecitamente” detenuti all’estero. (LAPRESSE)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr