Ancora nessun decesso in tutta l'Emilia Romagna: 9 i nuovi contagi a Parma

Ancora nessun decesso in tutta l'Emilia Romagna: 9 i nuovi contagi a Parma
Gazzetta di Parma INTERNO

La situazione dei contagi nelle province vede Rimini con 39 nuovi casi, seguita da Reggio Emilia (36) e Modena (28); poi Piacenza (25), Bologna (24), Cesena (15), Ravenna (13) e Parma (9).

Sul territorio, i pazienti ricoverati in terapia intensiva sono così distribuiti: 3 a Piacenza (numero invariato rispetto a ieri), 1 a Parma (invariato), 4 a Modena (invariato), 4 a Bologna (-1), 1 a Ferrara (invariato), e 1 a Rimini (invariato)

Per quanto riguarda le persone complessivamente guarite, sono 77 in più rispetto a ieri e raggiungono quota 372.723. (Gazzetta di Parma)

Se ne è parlato anche su altri media

I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 14 (numero invariato rispetto a ieri), 140 quelli negli altri reparti Covid (-4 rispetto a ieri). Tornano a salire i nuovi casi di coronavirus in Emilia-Romagna: sono 167 i contagi comunicati oggi dalla Regione, sulla base di poco più di 15.700 tamponi. (La Repubblica)

"La maggior parte dei positivi rilevati negli ultimi giorni – spiega Franco Borgognoni, direttore dell’unità operativa di igiene e sanità pubblica di Rimini – ha meno di trent’anni. Per capirci: tra gli ultimi positivi segnalati ieri solo uno ha 50 anni". (il Resto del Carlino)

Rimini, la Tav e una stazione unica Città di Romagna: "Ma è inutile senza collegamenti"

Alcune attività però, dopo la scoperta di turisti positivi, "sono state costrette a interventi straordinari di sanificazione". In un locale poi sono attualmente in corso, da parte dell’Ausl, ulteriori accertamenti dopo che sono risultati contagiati un paio di lavoratori (il Resto del Carlino)

Frisoni fa l’esempio di Bologna: in stazione si ferma l’alta velocità, ma al piano di sopra partono treni regionali, la metro per l’aeroporto, i collegamenti bus. Nel progetto di Confindustria Romagna manca proprio questa parte, non si può fare fermare l’alta velocità nel nulla, chi arriva in Romagna deve essere in grado di raggiungere qualsiasi destinazione con altrettanta rapidità». (Corriere Romagna)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr