Attacco ai vaccini e stop ai green pass, quella destra che ci fa solo male

Attacco ai vaccini e stop ai green pass, quella destra che ci fa solo male
Articolo Precedente

next
Articolo Successivo

next
La Stampa SALUTE

L’annunciato emendamento al decreto liste d’attesa del senatore leghista Claudio Borghi, da anni in servizio permanente effettivo nella campagna no vax, potrebbe anche essere letto come l’ultimo coup de théâtre teso a raccattare i consensi della non sterminata platea degli antivaccinisti. Sennonché la solitaria iniziativa - nel senso che non impegna il partito come afferma l’interessato - non è d… (La Stampa)

Ne parlano anche altre testate

I dettagli saranno illustrati giovedì 11 luglio alle 10 al salone d’onore di Palazzo Donini a Perugia Musica per i borghi ha raggiunto la sua XXIIª edizione e torna anche quest’anno ad animare le serate estive nella Media Valle del Tevere, con un cartellone ricco di novità all’insegna della musica, tra Marsciano e Deruta, dal 19 al 28 luglio e un evento speciale ad agosto. (Il Giornale dell'Umbria – il giornale on line dell'Umbria)

Il 7 luglio il senatore della Lega Claudio Borghi in un video su X ha illustrato la sua proposta legislativa per abrogare la “legge Lorenzin”, che riguarda l'obbligo vaccinale. La normativa è stata introdotta nel 2017 dall'allora ministro della Salute Beatrice Lorenzin, che rende obbligatorie e gratuite 10 vaccinazioni per i minori da 0 a 16 anni. (WIRED Italia)

«Le vaccinazioni rappresentano uno degli strumenti più efficaci nella prevenzione delle malattie infettive. È definitivamente dimostrato che il loro ruolo è fondamentale per garantire la salute e il benessere dei bambini». (Open)

Vaccinazioni, igienisti preoccupati per stop all'obbligo - Salute e Benessere

Per il coordinatore del Gruppo di Lavoro ‘Vaccini e Politiche vaccinali’ della Siti, la proposta di abolire l’obbligo vaccinale per i bambini “non ha alcun razionale scientifico e comporterebbe il rischio sia di vanificare gli sforzi fatti negli ultimi anni che di favorire la comparsa di nuovi episodi epidemici di malattie che non possono assolutamente essere considerate né sconfitte né banali”. (Quotidiano Sanità)

La proposta è contenuta in un emendamento alla legge sulle liste di attesa e potrebbe essere considerata inammissibile in quanto estranea alla materia del provvedimento cui dovrebbe essere collegata. (Corriere Roma)

"L'ipotesi di abolire l'obbligo vaccinale non ha alcun razionale scientifico e comporterebbe il rischio sia di vanificare gli sforzi fatti negli ultimi anni, sia di favorire la comparsa di nuovi episodi epidemici di malattie che non possono assolutamente essere considerate né sconfitte né banali". (Alto Adige)