Morabito a 'Report': "Muriqi? Inzaghi voleva mettersi le mani nei capelli"

Morabito a 'Report': Muriqi? Inzaghi voleva mettersi le mani nei capelli
La Lazio Siamo Noi SPORT

Tra i coinvolti sarebbe finito anche il ds della Lazio, Igli Tare, che ha già inviato una diffida al programma.

Durante la trasmissione, Vincenzo Morabito, operatore di calciomercato, si è espresso, nel dettaglio, sull'acquisto di Vedat Muriqi da parte della Lazio: "Guarda caso il fratello di Tare è il console albanese a Istanbul e spende 18 milioni per un giocatore che è una pi**a. Simone mi ha detto che voleva mettersi le mani nei capelli". (La Lazio Siamo Noi)

La notizia riportata su altre testate

Sul sito della Lazio, Radu ha voluto replicare: “A seguito di quanto affermato dal Sig. Vincenzo Morabito durante la trasmissione ‘Report’, trasmessa nella serata di ieri su Rai 3, ci tengo a respingere fermamente le affermazioni per le quali avrei screditato il valore calcistico del mio compagno di squadra Vedat Muriqi. (alfredopedulla.com)

E ancora: "Comportamenti di questo genere non mi appartengono e, la diffusione pubblica di tali asserzioni, ledono gravemente la mia persona. Radu mi ha detto che in allenamento, quando deve marcarlo, si mette le pantofole e le mani dietro la testa (AreaNapoli.it)

Hanno fatto molto discutere le dichiarazioni di ieri di Vincenzo Morabito andate in onda su Report. L'operatore di mercato ha riportato alcuni commenti ironici che Stefan Radu e Simone Inzaghi avrebbero fatto nei confronti di Vedat Muriqi. (La Lazio Siamo Noi)

Report, la smentita di Radu: "Mai screditato Muriqi, risponderò per vie legali"

"A seguito di quanto affermato dal Sig. Vincenzo Morabito durante la trasmissione ‘Report’, trasmessa nella serata di ieri su Rai 3, ci tengo a respingere fermamente le affermazioni per le quali avrei screditato il valore calcistico del mio compagno di squadra Vedat Muriqi. (Calciomercato.com)

Leggi anche – Lazio, furia Radu contro Report: durissimo attacco dopo l’inchiesta. Report calciomercato: Morabito e Radu prendono le distanze. Il procuratore afferma: “È evidente, quindi, che sono state confezionate e trasmesse immagini e dichiarazioni arrivate fraudolentemente ed estromesse dal contesto. (CalcioToday.it)

Pertanto rendo noto di aver dato mandato ai miei legali di difendere la mia immagine professionale in tutte le sedi opportune" (La Lazio Siamo Noi)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr