Il Comitato viabilità Gozzoli / Isonzo dopo l’ultimo incidente tra Cesano e Milano

MI-LORENTEGGIO.COM. ESTERI

Il Comitato Viabilità Gozzoli/Isonzo

Infatti tali interventi strutturali sono legati al prolungamento della MM1 verso Baggio per cui per il 2026, siamo altresì a ribadire la necessità di collocare cartelli indicanti che la via è sottoposta al controllo con Autovelox.

Con la presente siamo a richiedere di ripristinare i controlli con Autovelox nel tratto compreso tra il civico 102 e il 160 della via Benozzo Gozzoli, con una cadenza regolare, possibilmente due volte al mese, in orario diurno, dato il coprifuoco esistente”. (MI-LORENTEGGIO.COM.)

Se ne è parlato anche su altri media

Anche Germania e Francia hanno dichiarato che per il conflitto ucraino la Russia è da considerarsi parte in causa, e non Paese mediatore, e le recenti manovre sembrano una risposta a queste affermazioni Il massivo spostamento di armati desta molta preoccupazione: gli Stati Uniti hanno disposto le proprie truppe in Europa al massimo livello d’allerta. (AsiaNews)

Si tenta così di distruggere il Partito Comunista per proteggere gli interessi del “capitale”, in modo da rafforzare i metodi di schiavitù del “lavoro” Durante la presidenza di Yanukovich, la decomunistizzazione dell'Ucraina non si è fermò. (L'AntiDiplomatico)

(askanews) – C’è una evidente recrudescenza della crisi ucraina, mentre Kiev chiede di entrare nella Nato. I russi, ha detto Biden jr, cercavano le risorse naturali dell’Ucraina e un oleodotto, e Burisma si sentiva vulnerabile. (askanews)

Anzi: le esercitazioni militari separatiste lungo i confini potrebbero portare a un’ulteriore escalation del conflitto e Mosca potrebbe incolpare l’Ucraina di non voler dialogare con i separatisti. Da Kiev – “Kiev non molla e Mosca non cede”: concludevamo con queste parole l’ultimo articolo del 2020 sul conflitto in corso nei territori orientali dell’Ucraina. (Buongiorno Slovacchia)

Tensione altissima tra Ucraina e Donbass. Da mesi le repubbliche popolari di Donetsk e di Lugansk denunciano l’incremento delle truppe di Kiev lungo il confine. (Radio Onda d'Urto)

Sono tutti segnali profondamente preoccupanti”, ha detto la portavoce (LaPresse/AP) – Gli Stati Uniti “sono sempre più preoccupati per la recente escalation delle aggressioni russe nell’Ucraina orientale, compresi i movimenti delle truppe russe al confine con l’Ucraina”, lo ha detto la portavoce della Casa Bianca Jen Psaki. (LaPresse)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr