Perché la Russia taglia i tassi

Start Magazine ECONOMIA

Tutti i dettagli e le conseguenze sul rublo. La banca centrale russa ha ridotto i tassi di interesse per la terza volta in circa un mese, facendo sapere che i costi di finanziamento potrebbero diminuire ancora.

La banca centrale vorrebbe contenerne l’ascesa.

Oltre a monitorare la valuta, attraverso questa misura la banca centrale vorrebbe stimolare l’economia, che si avvia verso una forte contrazione

La banca centrale della Russia ha tagliato ulteriormente i tassi di interesse, dal 14 all’11 per cento. (Start Magazine)

Ne parlano anche altri giornali

La banca centrale vorrebbe contenerne l’ascesa. Tutti i dettagli e le conseguenze sul rublo. (Start Magazine)

È la stima di Fitch che, in una nota, sottolinea come “la crescita del Pil rimarrà contenuta nei prossimi trimestri, a causa delle ricadute economiche della guerra in Ucraina” con particolare riferimento “all’aumento dei prezzi dell’energia, il calo dei redditi reali, il deterioramento della fiducia di imprese e famiglie e la debolezza della domanda esterna” (LaPresse) – Rallenta la crescita del Pil in Italia dopo il balzo al 6,6% del 2021 con una previsione del +2,7% nel 2022 del 2,3% nel 2023. (LaPresse)

Il problema è che la Russia non sarà la sola a dover subire una recessione per via delle sanzioni Guerra in Ucraina: la resilienza del rublo impone riflessioni sull’efficacia delle sanzioni. (Proiezioni di Borsa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr