La Procura apre un'inchiesta sui contagi

La Procura apre un'inchiesta sui contagi
R+News INTERNO

Acquisiti i verbali delle riunioni delle unità di di crisi, gli atti relativi all'emergenza e i dati sui contagi.ANSA

La Procura di Pescara indaga sulla crescita esponenziale di contagi registrata nelle ultime settimane nel capoluogo adriatico e nell'area metropolitana.

Ieri e l'altroieri i Carabinieri del Nas sono stati in Regione, a Pescara e all'Aquila, alla Asl e in ospedale, per eseguire un decreto di esibizione emesso a firma dei pm Sciarretta e Benigni. (R+News)

Su altri media

Nelle ultime ore, risulta un paziente in più rispetto a ieri ricoverato nelle terapie intensive, al netto di decessi, dimissioni e nuovi accessi. Il tasso di occupazione dei posti letto di rianimazione raggiunge il 40,2% – a fronte di una soglia di allarme pari al 30% delle terapie intensive. (AbruzzoLive)

Crescono di 421 unità i cittadini in isolamento domiciliare. Domenica 22 febbraio in Abruzzo si regsitrano 502 i nuovi positivi al COVID-19. Si tratta di cittadini di età compresa tra 1 e 96 anni . (Abruzzo in Video)

Sono invece 36.548 i guariti (+52), con 12924 attualmente positivi (+441), 586 ricoverati in area medica (+19) e 76 ricoverati in terapia intensiva (+1). Coronavirus in Abruzzo, il bollettino odierno segnala la presenza di 502 nuovi positivi e purtroppo altri 10 decessi nelle ultime 24 ore. (IlPescara)

Covid Pescara, lui guarisce ma la moglie no. Medico insulta il vicino: «Sei tu l'untore»

Aumenta rapidamente il numero degli attualmente positivi, che. sono 441 in più, per un totale di 12.924 persone. Le zone più colpite sono ancora una volta il Pescarese e il Chietino, dove dilaga la variante inglese, responsabile di oltre il 60% dei casi. (Il Messaggero)

La località con più contagi recenti è sempre Pescara (90), Seguita da Montesilvano (44) e Chieti (32). Sono emersi dall’analisi di 5.108 tamponi molecolari: è risultato positivo il 9,83% dei campioni. (ekuonews.it)

Al rientro a casa dopo aver sconfitto il Covid, pensando alla moglie ancora ricoverata in serie condizioni, urla e minaccia il vicino ritenuto l’untore. È accaduto in un condominio di Pescara, dove le urla dell’uomo hanno richiamato l’attenzione dei vicini, preoccupati per l’accaduto. (Il Messaggero)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr