Il CEO di Intel tuona sulla crisi chip: “Una lezione per UE e USA”

FormulaPassion.it ECONOMIA

Il CEO di Intel ha aggiunto che i governi dovranno fare tesoro degli insegnamenti della pandemia.

Non solo per l’economia, ma anche per le politiche internazionali e per la sicurezza nazionale“, ha detto Gelsinger a Bloomberg.

La crisi dei chip ha dimostrato come l’Unione Europea e gli Stati Uniti siano dipendenti dall’Asia per quanto riguarda i prodotti derivati dall’uso di componenti elettroniche. (FormulaPassion.it)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Sempre in tema di macchine per la produzione di processori, Intel ha fornito un aggiornamento sullo stato della sua fabbrica irlandese che sarà pronta nel 2023, Fab 34. Oggi c'è solo un campo. La costruzione inizierà quest’anno e terminerà nel 2025, con la fabbrica che sarà pienamente operativa. (DDay.it)

Intel ha lanciato però un avvertimento al Congresso degli Stati Uniti sulla necessità di far passare il Chips Act, che offrirebbe sussidi per la produzione di chip "L'investimento di oggi segna un altro passo significativo con cui Intel sta guidando lo sforzo per ripristinare la leadership statunitense nella produzione di semiconduttori", ha affermato il ceo di Intel, Pat Gelsinger. (Milano Finanza)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr