Corea del Nord, Kim Jong-un vieta jeans e film stranieri, pena i campi di lavoro e la morte

Corea del Nord, Kim Jong-un vieta jeans e film stranieri, pena i campi di lavoro e la morte
la Repubblica ESTERI

Corea del Nord, Kim Jong-un vieta jeans e film stranieri, pena i campi di lavoro e la morte. (reuters). Il Partito dei Lavoratori ha approvato una legge che punisce l'uso di linguaggio, acconciatura e abbigliamento non nazionali

(la Repubblica)

Su altri media

Piani non specificati per “cambiamenti tangibili”. I programmi di Kim non sono stati specificati ma vengono descritti dai media statali come diretti a portare “cambiamenti tangibili” per stabilizzare l’economia e le condizioni di vita dei cittadini. (LaPresse)

Il Daily NK, una pubblicazione online di Seoul con fonti in Corea del Nord, ha riferito che tre adolescenti sono stati mandati in un campo di rieducazione per essersi tagliati i capelli come gli idoli del K-pop e aver orlato i pantaloni sopra le caviglie Kim, secondo quanto spiegato, vorrebbe fermare l'eventuale diffusione dello slang straniero, le acconciature e i vestiti alla moda all'estero che ha descritto come "veleni pericolosi". (Rai News)

Kim vuole cancellare la cultura occidentale. Pena di morte per jeans e film dall'estero

Kim Jong-un dichiara guerra a ogni forma di influenza straniera e nel paese finiscono nel mirino anche jeans, abiti, film, modi di parlare che non sono 'nazionali', tutti "veleni pericolosi". E ora, racconta la Bbc, chiunque viene sorpreso con grandi quantità di materiale multimediale originario della Corea del Sud, degli Usa o del Giappone rischia fino alla pena di morte. (Adnkronos)

L'isolamento, unito alla scelta del regime di incanalare il denaro nella corsa al nucleare, sta mettendo in ginocchio 25 milioni di persone Vale la pena ricordare che la Corea del Nord, in risposta alla pandemia, aveva sigillato i confini lo scorso anno. (ilGiornale.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr