“Rimettere al centro i diritti”, voci dallo sciopero generale - DINAMOpress

“Rimettere al centro i diritti”, voci dallo sciopero generale - DINAMOpress
DinamoPress INTERNO

A Genova, inoltre, il Collettivo Autonomo Lavoratori Portuali (Calp) ha protestato con fumogeni e bengala davanti alla sede locale di Confindustria.

Un cambio di rotta è necessario e forse lo sciopero unitario di oggi indica la strada da seguire

«Questo sciopero vuole essere un primo passaggio per costruire un discorso che consenta a lavoratori e lavoratrici di essere protagonisti», ribadisce Tiziano delle Clap. (DinamoPress)

Ne parlano anche altri media

A seguito dell’indicazione immediata della Commissione di Garanzia, con nota dell’8 ottobre 2021, registrata in ingresso in pari data, con prot _ Federazione Italiana Sindacati Intercategoriali – ha proclamato “lo sciopero generale di tutti i settori pubblici e privati ad oltranza dalle ore 00,00 del 15 ottobre 2021 alle ore 00,00 del 20 ottobre 2021”. (Orizzonte Scuola)

La platea fluttuante degli studenti rivendica, in buona sostanza, un rientro negli istituti in totale sicurezza e si oppongono ai nuovi piani di riforma della scuola presenti nel Pnrr, il Piano nazionale di ripresa e resilienza. (LeccePrima)

L’indebitamento della società italiana fino alla terza generazione dopo la nostra, di fatto serve per rendere più ricche e potenti le aziende. Gli scomodi contenuti e le fastidiose (per il governo ed i suoi sostenitori) rivendicazioni dello sciopero dei sindacati di base sono stati banalizzati ed affogati in un marasma generale di semplificazione e distorsione (PRESSENZA – International News Agency)

Cinque giorni di sciopero generale: possibili disagi all'Asl di Novara

Un fiume di persone che al grido “no Green pass” ha protestato contro l’obbligo del 15 ottobre. Contrarietà anche per l’introduzione del certificato verde nelle scuole, dove è previsto infatti l’obbligo del Green pass per docenti e tutto il personale che lavora all’interno delle strutture scolastiche. (Friuli Oggi)

In una quarantina di città la non scontata convergenza di un arcipelago della conflittualità sociale di sinistra ha aderito a una piattaforma politica articolata orientata verso un percorso di «costruzione dell’opposizione sociale» è stato detto in un sit-in al ministero della funzione pubblica Il primo sciopero contro il governo Draghi organizzato da 15 sigle del sindacalismo di base ieri ha portato in piazza migliaia di persone tra Roma e Firenze, Torino, Milano, Napoli e Bologna e poi Palermo, Catania, Trieste, Cagliari, Padova. (Il Manifesto)

Cinque giorni di sciopero, con possibili disagi per visite ed esami all'Asl di Novara. L’associazione sindacale F.I.S.I. (NovaraToday)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr