CdS – Inter, ecco perché la Supercoppa può sancire il nuovo dominio nerazzurro

fcinter1908 SPORT

Confermerebbe il disavanzo già presente in campionato, con la Juventus che ora è a meno 11 dall’Inter.

Potrebbe sancire il nuovo dominio nerazzurro, perché la Supercoppa è uno dei due trofei che Madama ha vinto un anno fa e quindi strapparglielo ha un valore simbolico.

Con la diversificazione evidente degli obbiettivi, con la prima che pensa al secondo scudetto consecutivo (il ventesimo in assoluto) e la seconda che ha un risultato minimo ma comunque importante, il quarto posto, lo “scudettino” che è una bombola d’ossigeno finanziario"

Il focus proposto dal quotidiano sulla gara in programma questa sera al Meazza. (fcinter1908)

La notizia riportata su altre testate

Ascolta la versione audio dell'articolo. Inter Juve: i bianconeri sono arrivati a Milano, dove domani contenderanno la Supercoppa alla squadra di Inzaghi – VIDEO. Massimiliano Allegri ritrova Danilo, Leonardo Bonucci e Alex Sandro, al rientro dall’infortunio, così come Pinsoglio, guarito dal Covid. (Calcio News 24)

E tutto porta a credere che sia Inzaghi sia Marotta a fine stagione saranno concordi nel proporgli il rinnovo. Il focus sul capitano e portiere nerazzurro a poche ore dalla delicata sfida di Supercoppa con la Juventus (fcinter1908)

Vuol dire solo che le due squadre in novanta minuti sono per forza di cose equivalenti Infatti Inzaghi ha vinto due volte questa Coppa battendo con la Lazio la Juve campione d’Italia. (Calciomercato.com)

DIFFERENZA – Sconcerti ha continuato. Allegri ha trovato il modo di rendere in salita la partita dell’Inter, ma non quello per batterla. (Inter-News)

Ma di che squadra è tifoso il famoso telecronista? Roberto Ciarapica è uno dei volti più noti e conosciuti di Mediaset. (Minuti Di Recupero)

Spicca la Supercoppa Italiana tra Inter e Juventus nel mercoledì sera televisivo: il match viene trasmesso in chiaro su Canale 5. In studio Monica Bertini conversa con Alessio Tacchinardi, Stefano Sorrentino e Graziano Cesari. (La Stampa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr