Pfizer, non solo vaccino: in arrivo la pillola anti-Covid

Pfizer, non solo vaccino: in arrivo la pillola anti-Covid
ilmessaggero.it ECONOMIA

A produrla sarà il colosso statunitense Pfizer, già produttore del vaccino.

Una nuova freccia nell'arco alla lotta al Covid che punta a coinvolgere la platea di quanti temono il vaccino e potrebbe rappresentare la spallata finale alla pandemia.

1 Minuto di Lettura. Giovedì 23 Settembre 2021, 13:45. . . . (Teleborsa) - Potrebbe arrivare in tempi stretti la pillola anti-Covid da assumersi al manifestarsi dei primi sintomi, oppure come prevenzione in caso di contatti con positivi. (ilmessaggero.it)

Ne parlano anche altri giornali

L’Fda si è impegnata ad analizzare rapidamente i dati, auspicando di poter autorizzare in poche settimane il vaccino ai bambini in questa fascia di età. Senza vaccino la variante Delta sarebbe già stata devastante, e avrebbe riportato al collasso il sistema sanitario e causato molte morti evitabili. (Corriere della Sera)

Ok della Fda alla terza dose per over 65, fragili e categorie professionali a rischio. Man mano che impariamo di più sulla sicurezza e sull'efficacia dei vaccini Covid, compreso l'uso di una dose di richiamo, continueremo a valutare la scienza in rapida evoluzione e a tenere informato il pubblico” (Quotidiano Sanità)

Avviata la somministrazione della dose aggiuntiva di vaccino contro il Covid ai soggetti immunocompromessi, in Italia si continua a parlare della somministrazione della terza dose, della dose booster, ai soggetti sani. (News Mondo)

Non è vero che la Pfizer «ha saltato dei test fondamentali» sui vaccini

Richiedete che i trial sulla terza dose siano sufficientemente estesi così da trovare una riduzione dei ricoveri ospedalieri. 16 voti contrari e 2 favorevoli al booster ovvero l’agenzia non ha approvato la terza dose di richiamo per gli over 16 anni (ArezzoWeb)

«Ad oggi non è stata ricevuta alcuna richiesta di estensione dell'indicazione per un vaccino Covid-19 nei bambini di età inferiore ai 12 anni. «Gli studi confermano che la terza dose aiuta nei casi di pazienti immunodepressi», ha detto Cavaleri, e che «gli effetti di immunizzazione declinano nel tempo». (La Stampa)

Questo è vero ma, come abbiamo discusso in passato su Facta, non dimostra nessuna pericolosità dei vaccini. I «nuovi documenti» innanzitutto non sono segreti o nuovi, ma sono i documenti di valutazione del vaccino Pfizer da parte della European medicine agency (Ema). (facta.news)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr