Coronavirus, un anno dopo il primo decesso. Crisanti: non è finita, siamo alla vigilia della terza ondata

Coronavirus, un anno dopo il primo decesso. Crisanti: non è finita, siamo alla vigilia della terza ondata
Il Messaggero Veneto INTERNO

Crisanti, in collegamento da Londra, ha ricordato l'impegno svolto dall'Università di Padova nella prima zona rossa di Vo' e le varie campagne di tamponi e prelievi svolti nel "primo focolaio del Veneto".

Se prima servivano 40 milioni di persone, oggi dobbiamo arrivare almeno a 44

È intervenuto così Andrea Crisanti, direttore della Microbiologia di Padova, all'evento che a Vo' oggi ricorda l'anno di pandemia. (Il Messaggero Veneto)

La notizia riportata su altre testate

A Sky TG24 l'esperto microbiologo ha auspicato che l'Italia possa prendere esempio dai Paesi stranieri nell'affrontare con fermezza e decisione la pandemia. "Dopo un anno non abbiamo ancora imparato". (Sputnik Italia)

In isolamento domiciliare ci sono ora 368.997 persone, con un aumento di 4.162 nelle ultime 24 ore. Nelle ultime 24 ore sono stati 250.986 i test (molecolari e antigenici) effettuati contro i 306.078 del giorno precedente (Leggilo.org)

Così il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, nel corso della cerimonia ‘Io ricordo’, in collegamento con l’Istituto comprensivo di Lozzo Atestino di Vo’ (LaPresse) – “Sono qui per ringraziarvi, per ringraziare innanzitutto i nostri ragazzi e le nostre ragazze, le nostre bambine e i nostri bambini. (LaPresse)

«Crisanti? Come avere nella propria formazione Ronaldo e preferirgli un compaesano dell’allenatore»

Nel contempo, però, Lorenzoni esprime un sentimento di forte dispiacere poiché Crisanti «è stato estromesso dal coordinamento regionale dei laboratori di microbiologia. Cioè, fin quando gli è stato permesso»: il Portavoce delle Opposizioni in Consiglio regionale, Arturo Lorenzoni, ricorda così quei giorni di un anno fa. (PadovaOggi)

Intanto a Today, Andrea Crisanti, professore ordinario di microbiologia all'Università di Padova, ha spiegato che non c'è tempo da perdere: «È evidente che sta per arrivare la terza ondata dell’epidemia di coronavirus. (VeneziaToday)

Sulla zona arancione scuro proposta dal presidente della Conferenza delle Regioni Stefano Bonaccini i governatori non trovano un'intesa, soprattutto dopo la bocciatura di Matteo Salvini che costringe a un passo indietro i presidenti leghisti e di centrodestra: «Zona arancione in tutta Italia? (TrentoToday)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr