Rissa a Detroit Furia Lebron che poi rimedia l’espulsione

Messaggero Veneto SPORT

udine. . Storie tese alla Little Caesars Arena di Detroit nel match di Nba fra Pistons e Lakers.

—. . 2 Articoli rimanenti Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito 1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi Attiva Ora Sei già abbonato?

I gialloviola si sono imposti per 121-116, ma a fare notizia è la rissa scoppiata a 9’18’’ dalla fine del terzo quarto.

Accedi Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Con Grant in lunetta, LeBron James e Isaiah Stewart sono stati protagonisti di un tagliafuori movimentato, culminato con una gomitata dell’asso dei Lakers. (Messaggero Veneto)

Su altri giornali

Con altre due partite rimaste in questo viaggio su strada, i Lakers devono ancora uscire dal bosco I pistoni hanno dovuto fermarlo più volte quando ha cercato di girarsi verso James o altri armadietti. (watchitalia.it)

“Loro due”, e LeBron James fa cacciare dalla partita tra Lakers e Pacers alla Gainbridge Filedhouse di Indianapolis due tifosi delle prime file, con circa 3 minuti ancora da giocare nei tempi supplementari. (NBAPassion.com)

Se potessero scegliere, forse i tifosi degli Indiana Pacers avrebbero preferito che nulla di quanto accaduto domenica notte a Detroit fosse successo. Eppure dopo la partita è stata sempre l’espulsione a tenere banco, spiegando la sua versione dei fatti: "Eravamo in fase di tagliafuori dopo un libero. (Sky Sport)

NBA, Kevin Garnett difende LeBron James dopo il pugno: "È un giocatore duro"

Il tutto è accaduto con due minuti ancora da giocare. Non è chiaro cosa i tifosi abbiano detto a LeBron che a fine partita ha glissato sull’argomento (Sportando)

Scontate una giornata di squalifica da James e due da Stewart, entrambi si ritroveranno faccia a faccio allo Staples Center per il secondo incontro stagionale tra Lakers e Pistons domenica 28 novembre Anche Stewart non avrebbe reagito come ha fatto se il tiro di James non fosse stato significativo. (Pianetabasket.com)

L’Hall of Famer ex-Celtics è ricordato da tutti non solo come un talento duttile e unico nel suo genere su entrambi i lati del campo, ma anche come uno dei più grandi trash-talker della storia del gioco: in pochi sono riusciti a far perdere le staffe agli avversari come fatto da lui con le sue parole. (Sky Sport)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr