Juventus-Roma sempre più vicina: le ultime sulla formazione

Juventus-Roma sempre più vicina: le ultime sulla formazione
JuveLive SPORT

Juventus-Roma è ormai nel mirino dei giocatori bianconeri che domenica andranno a caccia di un altro successo in campionato.

Sugli esterni Danilo e Alex Sandro andranno valutati, potrebbe esserci spazio per De Sciglio e Pellegrini come avvenuto contro il Napoli

Partita che si preannuncia molto difficile quella che andrà in scena allo Stadio nel weekend.

LEGGI ANCHE—> Calciomercato Juventus, assalto a gennaio: la chiave è De Ligt. (JuveLive)

Ne parlano anche altre testate

La Juventus lo ha cercato per molto tempo in sede di calciomercato ed oggi arriva la firma tanto attesa con una clausola monstre. Tutte le news sul calciomercato italiano e non solo: CLICCA . Pedri è ad un passo dalla firma: ecco cosa manca. (Stop and Goal)

In questo modo Alessandro Nisci è diventato importante per Panzanaro. Un avvio in campionato molto promettente, impreziosito da giocate utili a mettere i propri compagni nelle migliori condizioni per provare a colpire le difese avversarie. (Juventus News 24)

Allegri. ROMA (4-2-3-1): Rui Patricio; Karsdorp, Mancini, Ibanez, Vina; Veretout, Cristante; Zaniolo, Pellegrini Lo, Mkhitaryan; Shomurodov Stesso discorso per McKennie, ancora leggermente acciaccato dopo gli impegni con la sua Nazionale. (SerieANews)

Mirante al Milan: l'inizio alla Juve, i problemi cardiaci,la Champions

Buona la prima per Mattia Marino, che trova il gol alla sua prima presenza da titolare in campionato con la maglia della Juventus Under 17. Prima presenza da titolare in campionato e primo gol per Mattia Marino. (Juventus News 24)

I due studiano da leader, sono i trascinatori delle rispettive squadre e in Juventus-Roma il loro apporto risulterà decisivo. Domenica sera i giallorossi faranno visita alla Juventus, in un campo sempre molto difficile, soprattutto negli ultimi tempi. (Voce Giallo Rossa)

Gigi ha schiacciato con la sua classe e la sua bravura tanti portieri di talento”, disse a La Gazzetta dello Sport. Forse ad Antonio Mirante va riconosciuta l’analisi più lucida di chi affronta con consapevolezza la condizione di eterno secondo. (Virgilio Sport)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr