Arriva l'assegno "unico" ma cosa succede con il bonus bebè e il bonus mamma domani

Arriva l'assegno unico ma cosa succede con il bonus bebè e il bonus mamma domani
MilanoToday.it INTERNO

Cosa succede con il bonus bebè e il bonus mamma domani con il nuovo assegno "unico"?

Il bonus mamma domani. Per quanto riguarda invece il bonus mamma domani, dal 2017 l'Inps riconosce alla mamma che ha avuto un figlio, oppure ne ha adottato uno o preso in affidamento, un bonus chiamato premio alla nascita.

Bonus bebè e mamma domani. Ciò significa che con l'introduzione dell'assegno unico verranno inglobati i bonus oggi esistenti come l'assegno di natalità (il cosiddetto bonus bebè) e il premio alla nascita (il bonus mamma domani), entrambi misure universali e senza limiti Isee. (MilanoToday.it)

Se ne è parlato anche su altri media

Plastic tax slitta a gennaio 2022. Slitta di altri sei mesi la plastic tax che entrerà in vigore il primo gennaio 2022 e non più il primo luglio di quest’anno E’ quanto prevede la bozza del decreto Sostegni bis che il governo dovrebbe varare entro la settimana. (Giornale di Sicilia)

Bonus 2.400 euro compatibile con REM 2020. Il bonus 2.400 euro è compatibile con il REM 2020, ma non con il REM 2021 introdotto dallo stesso decreto Sostegni. A fornire chiarimenti è INPS con il messaggio n. (Money.it)

editato in: da. Arrivano due importanti novità per il bonus 2.400 euro previsto dal dl Sostegni in favore di alcune categorie di lavoratori colpite dall’emergenza Covid. L’Inps chiarisce che i limiti di reddito indicati come soglia massima, da non superare per godere dell’indennità di 2.400 euro (75.000 euro e 35.000 euro), si riferiscono al solo reddito prodotto nell’anno 2019. (QuiFinanza)

Medici vaccinatori, stangata Inps: bloccato l’assegno ai pensionati

Pagamento Bonus 2400 euro: nuova tranche col Sostegni Bis. Pagamento Bonus 2400 euro: con il Decreto Sostegni Bis dovrebbe arrivare una nuova indennità Covid per lavoratori stagionali del turismo e degli stabilimenti termali (stavolta dovrebbero essere inclusi anche gli stagionali di altri settori, compreso quello agricolo), lavoratori intermittenti, autonomi occasionali, incaricati delle vendite a domicilio e lavoratori dello spettacolo. (The Wam.net)

Un beneficio che, solo agli sportelli delle sedi CGIL trevigiana, è stato già richiesto da ben 856 nuclei familiari. Il Ministero del Lavoro ha infatti differito dal 30 aprile al 31 maggio il termine di presentazione delle domande del REM per le mensilità di marzo, aprile e maggio. (TrevisoToday)

Come è altrettanto certo che in più parti d’Italia cominciano a fioccare le dimissioni da parte di medici che avevano risposto all’appello del governo Già il testo è più un’enciclopedia che una disposizione operativa: oltre 2mila parole, circa 14mila battute, con un ampio ventaglio di destinatari. (Il Mattino di Padova)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr