Pompei - Scavi, il nuovo direttore del Parco Archeologico è Gabriel Zuchtriegel

Pompei - Scavi, il nuovo direttore del Parco Archeologico è Gabriel Zuchtriegel
Approfondimenti:
StabiaChannel.it INTERNO

Sposato e padre di due figli, Zuchtriegel succede a Massimo Osanna, che da settembre 2020 è stato nominato direttore generale dei musei gestiti dallo Stato.

Il suo profilo è stato scelto dal ministro nella terna indicata dalla commissione di concorso.

Lo annuncia il ministro della cultura Franceschini alla sua prima uscita pubblica oggi al Colosseo, nel terzo mandato alla guida del dicastero del Collegio romano. (StabiaChannel.it)

La notizia riportata su altri giornali

Pompei, nominata la commissione per il successore di Osanna 16 Novembre 2020. A Paestum sin dalla sua nomina ha intrecciato l'attività di valorizzazione con quella di ricerca e restauro, sia nell'area archeologica che all'interno del museo. (La Repubblica)

Gabriel Zuchtriegel è stato nominato nuovo direttore del parco archeologico di Pompei. Nel 2015, ha collaborato nel Grande progetto Pompei quale membro della Segreteria tecnica di progettazione. (L'HuffPost)

Osanna ha ricordato che Pompei “è un luogo dove è stato fatto moltissimo ma c’è ancora molto da fare A Pompei ha già lavorato nella squadra dell'ex direttore Massimo Osanna, attualmente direttore generale Musei del Mibact. (Adnkronos)

Pompei, nominato il nuovo direttore. E due consiglieri se ne vanno

Ora che il ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini, gli ha dato le chiavi del Parco Archeologico di Pompei come nuovo direttore, l’esuberante tedescone ha già tirato fuori idee che fanno venire il mal di testa ai parrucconi. (QUOTIDIANO.NET)

(LaPresse) – “Il nuovo direttore Zuchtriegel è molto esaltato per la sua attività nel parco di Paestum, ma a noi sembra che a Pompei non abbia avuto tutta questa esperienza: dal suo curriculum risultano 8 mesi alla segreteria del parco, ma in 8 mesi non riesci a farti un’idea sui millenni di storia di Pompei”. (LaPresse)

Il suo curriculum non ha il necessario spessore nel campo del restauro dell’edilizia e della pittura romane come ci si aspetterebbe da un direttore di Pompei. Ed ora è il responsabile dell’immensa macchina di Pompei a neppure quarant’anni, un record. (Corriere della Sera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr