MPS in rally dopo avvio contatti con MEF

Borsa Italiana ECONOMIA

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.

Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi

(Borsa Italiana)

Su altre fonti

Vola il titolo Mps in Borsa, ieri le azioni si sono chiuse al +16,7%. Il motivo è la ripresa dei contatti tra il Ministero delle Finanze e l’Unione Europea, con l’intenzione di ottenere 18 mesi per privatizzare la banca, nel frattempo resa più appetibile con altri esuberi e chiusure di filari, un aumento di capitale di 3 miliardi entro primavera e la cessione di 10 miliardi tra crediti deteriorati e rischi legali. (Antenna Radio Esse)

Le azioni sono aumentate durante la sessione di mercoledì e hanno chiuso la giornata in rialzo del 17% a € 0,94. Il governo italiano, che ha salvato la banca in difficoltà nel 2017, ha una scadenza per riprivatizzarla in base a un accordo raggiunto con le autorità europee. (Buzznews portale di notizie)

Per la banca senese (e per il Tesoro suo principale azionista al 64%) una boccata d’ossigeno dopo il -20% segnato complessivamente nel mese di novembre in seguito all’abbandono del tavolo con Unicredit per la cessione dell’istituto al gruppo milanese guidato da Andrea Orcel (GameGurus)

E proprio la seconda banca italiana potrebbe tornare nuovamente in lizza per rilevare MPS, dopo i dialoghi interrotti a ottobre di quest'anno. Già nei primi mesi del 2022 potrebbe essere pronto il nuovo business plan approvato dall'Europa, che presenta una situazione già diversa rispetto agli ultimi negoziati con UniCredit. (Investire.biz)

L’estensione richiesta sarà “più di due anni”, ha detto una delle fonti. Il Tesoro deve in primo luogo affrontare i requisiti patrimoniali della banca, che MPS ha messo a 2,5 miliardi di euro. (Non Solo Aerei)

In base ai termini del salvataggio da 5,4 miliardi negoziato con Bruxelles nel 2017, il Tesoro avrebbe dovuto chiudere un accordo con un potenziale compratore della banca toscana entro fine 2021 (FX Empire Italy)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr