Il gioco del Quirinale tra debito, inflazione, speculatori e pandemia

Altreconomia ECONOMIA

Le banche italiane sono imbottite di titoli del debito italiano che l’inflazione può svalutare pesantemente.

Ciò comporterà la necessità di un aumento della spesa pubblica e una crescita del debito valutabili in alcune decine di miliardi di euro rispetto a quanto ipotizzato a dicembre.

L’inflazione speculativa sta ingigantendo i prezzi del gas che le tensioni geopolitiche spingeranno ancora più in alto in Italia. (Altreconomia)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Confindustria ha ipotizzato uno stop della crescita nel primo trimestre, e un conto di -0,8% sulla dinamica 2022 presentato solo dal caro-bollette. Lotta al debito: un confronto europeo. Il programma di bilancio francese, per esempio, punta a far scendere quel rapporto dell’1,8%, dal 115,3 al 113,5%. (Il Sole 24 ORE)

La settimana che ha preceduto l’elezione del presidente della Repubblica si è chiusa con la peggiore giornata borsistica dell’anno e degli ultimi mesi. Per ING il migliore degli scenari possibili per lo “spread” è la nomina di Draghi al Quirinale (Il Sussidiario.net)

Quasi il 60% delle aziende sondate da via Nazionale ha riferito di attendersi anche nei primi mesi del 2022 effetti negativi sulla propria attività Ma per rispettare le scadenze l’attività di governo va misurata in settimane, non anni: entro fine giugno l’Italia deve raggiungere ben 45 traguardi. (Il Fatto Quotidiano)

Inflazione, gas e Pnrr: i tre nodi che rischiano di frenare l'Italia impegnata nella partita per il Colle di Roberto Mania. Allestimento della Camera per l'Elezione del Presidente della Repubblica (ansa). (La Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr