Caffè e pane costano di più. A Bergamo aumenti tra il 10 e il 25%

Caffè e pane costano di più. A Bergamo aumenti tra il 10 e il 25%
L'Eco di Bergamo ECONOMIA

Il dato di fatto è rappresentato dalla corsa dell’inflazione, che a dicembre 2021 ha fatto registrare un 3,9% in più su base annua, trascinando con sé una serie di aumenti, che finiscono per ripercuotersi sul consumatore finale.

Tira un’aria di aumenti e per rendersene conto basta girare tra le corsie di un supermercato, recarsi dal panettiere o semplicemente al bar per un caffè

Il carrello della spesa rischia di diventare presto più pesante. (L'Eco di Bergamo)

Ne parlano anche altri giornali

Al supermercato il caffè costa già di più rispetto a tempo fa. Tra aumenti delle materie prime e rincari dell'energia "la situazione è diventata insostenibile", dice alla Stampa Alberto Balocco, presidente e amministratore delegato del gruppo cuneese che produce dolci da ricorrenza e biscotti. (Today.it)

Mentre Riccardo Felicetti, presidente dei pastai di Union Food-Confindustria, ha spiegato che "acquistare il grano duro italiano è difficile in questo periodo. 14 gennaio 2022 a. a. a. Non c'è da stare tranquilli neanche al bar. (Liberoquotidiano.it)

Per gli esercenti le spese sono sempre maggiori e anche nel capoluogo isontino tutti cominciano ad adeguarsi alla situazione Gli esercenti: «Margini minimi e adesso arrivano le bollette». GORIZIA Locali di Gorizia per ora vanno in ordine sparso, ma nel breve periodo il prezzo del caffè al bar è destinato ad aumentare ovunque: anche dove, per il momento, è rimasto invariato. (Il Piccolo)

Primi aumenti del costo della tazzina di caffè a Trieste e c’è chi prova a resistere

coppia in Italia il "caro-colazione". Lo denuncia Assoutenti, che segnala rincari a macchia di leopardo per i listini di caffè, cappuccino e cornetti nei bar. (La Provincia di Cremona e Crema)

In corso Canalchiaro si sono quasi tutti adeguati sul nuovo prezzo: 1,20 euro. Ma capisco benissimo gli altri colleghi».Se all’ingrosso il caffè è aumentato di un euro e mezzo al chilo (La Gazzetta di Modena)

C’è chi ha già applicato un aumento a fine 2021-inizio 2022, chi l’ha pianificato nei prossimi mesi e chi resiste, mantenendo il prezzo invariato, spesso a fatica. I prezzi delle materie prime, le bollette, le spese di gestione: l’incremento generale si riflette sullo scontrino finale. (Il Piccolo)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr