Ue, il Parlamento europeo ha detto sì: stop all’allevamento in gabbia entro il 2027

Ue, il Parlamento europeo ha detto sì: stop all’allevamento in gabbia entro il 2027
Il Fatto Quotidiano ESTERI

Ed è un “passo decisivo” per mettere fine alle sofferenze di 300 milioni di animali ogni anno

L’allevamento in gabbia potrebbe avere le ore contate, almeno in Europa.

Come ricorda Eleonora Evi, il voto di oggi rappresenta infatti “il culmine di un percorso iniziato il 25 settembre 2018″.

Il Parlamento europeo ha approvato una risoluzione a favore della graduale eliminazione dell’utilizzo di gabbie negli allevamenti dei Paesi UE. (Il Fatto Quotidiano)

Ne parlano anche altre fonti

Si potrà così evitare all’interno dell’Unione europea di essere sottoposti a test e/o quarantene. Il Pass sarà valido a partire da quattordici giorni dopo l'ultima dose di vaccino anti-Covid (Termoli Online)

Come si ottiene il Green Pass o certificato vaccinale europeo — Sulla base delle indicazioni dell’UE, sono le autorità nazionali a essere responsabili del certificato Covid digitale. (La Gazzetta dello Sport)

Il dato dunque è tratto: il documento sarà molto utile per coloro che sono vaccinati, per spostarsi in libertà, ma ciò non impedirà ai non vaccinati di muoversi. Per loro varranno le regole di sempre: i tamponi prima di partire, eventuali quarantene o altre regole che ciascuno Stato decida di adottare. (TG La7)

Coronavirus nel mondo, I'Europarlamento chiede la revoca dei brevetti sui vaccini

Si tenga a mente che per ottenere il pass europeo contano solo i vaccini approvati per l’uso dall’UE, quindi AstraZeneca, Pfizer, Moderna e Johnson & Johnson Quindi si è coperti dal green pass già dopo 2 settimane dalla prima dose”. (Money.it)

Si tratta del passaporto vaccinale in formato digitale per il Covid-19 che entrerà in vigore in Germania. Si tratta di un’applicazione su cui verranno trasferiti tutti i dati e le informazioni personali già presenti sul libretto delle vaccinazioni di ogni tedesco, collegata al green pass (LaPresse)

La pandemia ha contribuito ad aumentare il lavoro minorile. Il lavoro minorile è aumentato nel mondo per la prima volta negli ultimi due decenni. Abbiamo raggiunto ciò senza smettere di esportare una parte della produzione: 350 milioni di dosi sono state esportate in altri Paesi". (la Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr