Giordania, il re vuole mediazione

RSI.ch Informazione ESTERI

Il re ha affidato il “dossier” del principe a suo zio, Hassan bin Talal.

Un fatto senza precedenti nella storia della monarchia hashemita che ha pure visto momenti di tensione al suo interno.

Hamzah era stato accusato nei giorni scorsi di aver partecipato a un presunto complotto contro il re e di "avere attentato alla sicurezza e alla stabilità" del Paese.

Re Abdallah II di Giordania ha imposto la linea della mediazione: il caso del principe Hamzah deve restare nella "famiglia hashemita". (RSI.ch Informazione)

Ne parlano anche altri giornali

Hamzah: "Non voglio creare escalation". leggi anche. Giordania, sventato colpo di Stato contro il re Abdallah II. Nella registrazione telefonica rilanciata oggi su Twitter in Giordania, il principe Hamzah assicura: "Non voglio fare alcunché possa creare una escalation". (Sky Tg24 )

Un Paese fondamentale per l’amministrazione di Joe Biden e i nuovi rapporti che il presidente vuole creare nella regione. Già re Hussein, il padre e nonno, aveva cambiato idea sulla linea di successione e aveva lasciato in eredità al figlio il regno hashemita e uno zio amareggiato (Corriere della Sera)

Americana la regina Noor, la madre di Hamza, ultima moglie di Hussein, al suo fianco per oltre venti anni dopo le nozze nel 1978. Il giuramento fu rifiutato, Hassan rimosso e il titolo di principe ereditario passò all'attuale re, Abdallah, figlio maggiore di Hussein (Notizie - MSN Italia)

La Giordania vieta a media e social network la pubblicazione di qualsiasi informazione sul caso del principe Hamzah

esteri. Il fratellastro del re, respinge le accuse di aver complottato contro di lui, usa parole a favore del sovrano, ma dichiara di non voler sottostare al provvedimento dei domiciliari e comunica con il suo staff attraverso i social (TG La7)

Quest’ultimo è stato a lungo confidente di re Abdallah, nonché ministro delle finanze dopo aver ricoperto il ruolo di capo ufficio della Casa reale Tra i coinvolti negli arresti figurano anche Sharif Hassan Bin Zaid e Basem Ibrahim Awadallah, due alti funzionari legati alla Casa reale. (Open)

Il Procuratore Generale di Amman, Hassan Al-Abdallat, ha vietato la pubblicazione di tutto quello che attiene “alle indagini” dei servizi di sicurezza su il principe Hamzah e “altri”. Dopo essere salito al trono nel 1999, Abdullah ha nominato Hamzah principe ereditario, ma gli ha poi revocato il titolo cinque anni dopo (Primaonline)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr