Baggio amarcord: 30 anni fa a Firenze il gesto che entrò nella storia

Baggio amarcord: 30 anni fa a Firenze il gesto che entrò nella storia
Approfondimenti:
Viola News SPORT

La passione sopra l’interesse, un momento destinato a vivere per sempre

Lo dovrebbe tirare proprio Baggio, che lascia a De Agostini: “Io non tiro”.

Il Divin Codino giocò male, non resse l’emozione, soffocato dalla marcatura di Salvatori.

Tra le pagine di cronaca fiorentina de La Nazione troviamo il ricordo di un episodio di sport che è entrato nella storia della città: 30 anni fa, il 6 aprile del 1991, Roberto Baggio tornava a Firenze da avversario con la maglia della Juventus (Viola News)

La notizia riportata su altri media

Oggi è il trentennale di Fiorentina-Juventus 1-0, ovvero la giornata del ritorno di Roberto Baggio a Firenze per la prima volta da avversario. “Voleva rimanere a Firenze – racconta sullo stesso Baggio, l’ex allenatore della Juve, Gigi Maifredi, intervistato dal Corriere Fiorentino – Non solo, talvolta mi ripeteva che voleva tornare in viola, ma gli spiegavo che da professionista doveva andare avanti”. (fiorentinanews.com)

La gioia sembra dover durare poco: all'inizio della ripresa, infatti, proprio Baggio si procura un rigore. Baggio la raccoglie e la porta con sé prima di salutare il "suo" stadio che gli regala un'ovazione (LA NAZIONE)

Intervenni personalmente e riuscii a placarli chiedendo come si sarebbero sentiti se un loro fresco ex non avesse raccolto la sciarpa». «Quando arrivò alla Juve mi racconto che i Pontello dovevano venderlo ma lui voleva rimanere a Firenze (Fiorentina.it)

Fuser: “Indimenticabile il gol alla Juve nel 1991. Vlahovic? Il talento emerge sempre”

Un gesto che colpisce per la sua semplicità e per un attimo cancella l’odio dei mesi precedenti: Baggio esce dal campo, sotto la Fiesole, e riceve l’applauso dei suoi ex-tifosi. Ripercorrendo i 95 anni di storia della Fiorentina sono diverse le diapositive che il tifoso viola conserva gelosamente nel suo scrigno dei ricordi. (Firenze Viola)

Punizione dal limite, pallone prima sul palo poi alle spalle di Tacconi. Ma il momento più bello, quello entrato nella storia, fu quando Baggio fu sostituito e uscendo dal campo, raccolse la sciarpa viola lanciata in campo da un tifoso (Corriere Fiorentino)

Pensavo che lo avrebbe tirato lui ma poi si incaricò De Agostini. La settimana prima della partita fu particolare anche per il primo ritorno di Baggio, l’arrivo della Juve era molto sentito. (Viola News)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr