Cina-Usa, prova di forza su Taiwan

Cina-Usa, prova di forza su Taiwan
Altri dettagli:
Corriere della Sera ESTERI

I tg di Pechino, a corredo della coreografia guerresca, hanno mostrato mappe dettagliate delle sei zone di operazione con uso di munizioni vere intorno a Taiwan.

Pentagono e intelligence Usa non credono che la Cina stia per lanciare la temuta invasione: secondo strateghi americani e taiwanesi ci vorranno ancora cinque anni prima che i cinesi abbiano forze sufficienti per tentare l’impresa.

Da ieri Xi ha fatto entrare Taiwan in una «zona grigia». (Corriere della Sera)

Su altri giornali

Ben prima della visita di quasi 24 ore di Pelosi a Taiwan, la Cina aveva avvertito che la sua presenza non era gradita L’esercito cinese ha diffuso le immagini degli elicotteri militari che sorvolavano l’isola di Pingtan, uno dei punti più vicini di Taiwan alla Cina continentale. (Virgilio Notizie)

La speaker della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi, nonostante i molteplici avvertimenti da parte della Cina, è atterrata realmente a Taipei accolta dal Ministro degli Esteri Taiwanese. “È una grave violazione della sovranità e dell’integrità territoriale della Cina”. (Radio Radio)

L'Esercito popolare di liberazione (Pla) ha "revocato il controllo marittimo e dello spazio aereo al largo della costa orientale dell'isola di Taiwan" con la riuscita delle manovre di lancio missilistiche che "hanno colpito con precisione tutti gli obiettivi". (La Sicilia)

Cina, 5 missili cadono nella zona economica del Giappone. Tokyo: «Questione grave, sollecitiamo risoluzione pacifica»

Le crisi precedenti. Le crisi fra Cina e Taiwan (o meglio: fra la Cina comunista e quella democratica) sono ricorrenti. Fino al 1979, se il regime comunista (illegittimo, agli occhi degli statunitensi) avesse provato a invadere l’isola di Taiwan, gli Usa sarebbero intervenuti automaticamente. (Nicola Porro)

Washington (Usa), 4 ago. (LaPresse) – Gli Stati Uniti “condannano” le azioni “irresponsabili” e “provocatorie” della Cina, seguite alla visita a Taiwan della speaker della Camera Nancy Pelosi. (LAPRESSE)

Nelle scorse ore, dopo le mobilitazioni cinesi in seguito alla visita della speaker della Camera dei rappresentanti americana Nancy Pelosi, il governo di Tokyo tramite il segretario capo di gabinetto Hirokazu Matsuno ha sollecitato «fortemente una risoluzione pacifica» della questione Cina-Taiwan tramite vie diplomatiche a Pechino (Open)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr