Terapie intensive «sorvegliate speciali»: in Lombardia saturazione al 60%

Terapie intensive «sorvegliate speciali»: in Lombardia saturazione al 60%
Corriere della Sera INTERNO

Oggi - sabato - i grafici dell’agenzia segnavano una media italiana di 40,9% di saturazione delle terapie intensive, in leggera crescita; i reparti di area medica sono occupati al 43%, anche questo dato al di sopra della soglia di tranquillità

Silvio Brusaferro, nel corso della conferenza stampa settimanale di venerdì è stato molto netto: «I ricoveri sono ancora in crescita e destano preoccupazione i dati di saturazione al 41% di pazienti Covid delle terapie intensive. (Corriere della Sera)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Ecco perché, a quasi due mesi dall’inizio della terza ondata trainata dalla variante inglese, i posti occupati nelle terapie intensive sono ancora 857: il 60,5 per cento dei 1.416 letti disponibili, il doppio della soglia ritenuta di guardia. (Corriere della Sera)

Le vittime in totale sono 111.030, con 326 decessi in un giorno La percentuale di positivi è al 7,18%. (Sky Tg24 )

“E’ una situazione che evolve nelle ore, mentre quando ho lasciato l’ospedale, la situazione era più sotto controllo, questa mattina dobbiamo rifare il punto A fare il quadro all’Adnkronos Salute è Andrea Cambieri, direttore sanitario del Policlinico Gemelli, dopo l’aumento dei ricoveri legati alla pandemia nella capitale. (Civonline)

Covid Italia oggi, terapie intensive e contagi: il punto

Le persone guarite o dimesse sono 2.974.688 complessivamente: 21.311 ieri, così gli attuali positivi risultano essere in tutto 564.855 (-440 rispetto al giorno prima) L’indice di occupazione dei posti letto in area medica è al 43% (soglia critica: 40%). (CalcioNapoli24)

Il dato più preoccupante è quello delle terapie intensive: attualmente in Italia sono occupati il 40,9% dei posti letto in rianimazione. La situazione però è ben diversa da regione a regione (Virgilio Notizie)

Scende l'età media dei contagi da coronavirus in Italia e i reparti di terapia intensiva si trovano ancora sotto pressione in 14 Regioni e province autonome. Nel complesso - riferisce l'Iss - l’età mediana dei casi di in Italia segnalati da inizio epidemia è 47 anni. (Adnkronos)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr