Lamezia Terme, Polizia scopre una piantagione di canapa indiana e arresta due pregiudicati

Lamezia Terme, Polizia scopre una piantagione di canapa indiana e arresta due pregiudicati
Per saperne di più:
Corriere di Lamezia INTERNO

Sul posto venivano, altresì, rinvenute e sequestrate varie attrezzature utilizzate per la coltivazione delle piante di canapa indiana.

Dopo un vano tentativo di fuga, i due venivano bloccati dagli Agenti e dichiarati in stato di arresto.

Gli arrestati, immediatamente posti a disposizione della Procura della Repubblica di Lamezia Terme, che ha coordinato l’attività, sono stati quindi associati alla Casa Circondariale di Catanzaro

di Lamezia Terme. (Corriere di Lamezia)

Ne parlano anche altre fonti

Prete arrestato per spaccio a Prato: feste con cocaina e droga dello stupro coi soldi dei fedeli Secondo l’accusa, il sacerdote sarebbe al centro di festini hard in cui si consumavano rapporti sessuali con altre persone adulte ma anche morta droga e, secondo quanto ricostruito dalla squadra mobile, il denaro per l’acquisto della droga sarebbe stato assicurato dal sacerdote quasi esclusivamente attingendo alle casse della parrocchia. (Fanpage.it)

Poi quando il vescovo ha scoperto la tossicodipendenza di don Spagnesi gli ha imposto un cammino di riabilitazione psicoterapeutica con uno specialista. Quei prelievi però non si sarebbero fermati, con don Spagnesi che di volta in volta li giustificava alla diocesi come «aiuti per persone bisognose della parrocchia» (ilGiornale.it)

Avevo chiesto conto di quelle operazioni e mi era stato parlato di atti caritativi, cosa normale per una parrocchia" Il vescovo di Prato, Monsignor Giovanni Nerbini ha dichiarato di aver saputo la vicenda con dolore e sgomento. (Prima Como)

Vede i Carabinieri, scappa e perde la droga. Arrestato

Arrestato per spaccio di stupefacenti a Prato, un sacerdote, don Francesco Spagnesi, coinvolto in un’indagine della polizia su feste a base di cocaina e di Gbl, la cosiddetta ‘droga dello stupro’. Secondo la polizia la droga sarebbe stata pagata con le offerte dei parrocchiani e destinata a persone contattate tramite siti di incontri sessuali (Stylo24)

Il parroco, 40 anni, è stato messo agli arresti domiciliari dal gip Francesca Scarlatti che ha accolto la richiesta di misura cautelare presentata dalla procura. Secondo la polizia la droga sarebbe stata pagata con le offerte dei parrocchiani e destinata a persone contattate tramite siti di incontri sessuali (L'Arena)

Ieri sera, i Carabinieri della Stazione di Palagiano hanno tratto in arresto S.D., 21enne, già noto alle forze dell’ordine, per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio. Erano da poco passate le 21:00 quando i Carabinieri nel transitare lungo viale Chiatona hanno intravisto nei pressi di un noto bar, un soggetto sopraggiungere a bordo […] (Tarantini Time)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr