Covid, Brusaferro: «Cresce numero di chi fa prima dose, ma ancora milioni di non vaccinati»

Covid, Brusaferro: «Cresce numero di chi fa prima dose, ma ancora milioni di non vaccinati»
Il Messaggero INTERNO

Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev agenziavista.it

«In ogni fascia d'età cresce la percentuale di persone che fanno la terza dose, ma cresce anche il numero di chi fa la prima dose.

Purtroppo però ci sono ancora persone che questo ciclo non l'hanno iniziato e sono ancora milioni di italiani», così Silvio Brusaferro dell'Istituto Superiore di Sanità.

(Il Messaggero)

Su altre testate

Milano - "Si conferma una situazione epidemica acuta, con un'incidenza settimanale che ha raggiunto quasi 2000 casi per 100mila abitanti e con una velocità di trasmissione che rimane significativamente sopra il valore di 1. (IL GIORNO)

Salernonotizie.it è il primo portale online completamente gratuito di Salerno e provincia. Ogni giorno notizie, curiosità, cronaca, sport e rubriche su Salerno, Napoli, Benevento, Avellino e Caserta. Milioni di news dalla Campania per tenerti sempre aggiornato in modo chiaro e veloce, un occhio vigile sui fatti della tua città (Salernonotizie.it)

I casi totali salgono a 8.356.514 Con 1.132.309 tamponi, quasi 50mila meno di ieri, tanto che il tasso di positività sale dal 15,6% al 16,4%. (AGI - Agenzia Italia)

Covid, Brusaferro: “Situazione epidemica acuta. Importante invertire la tendenza di crescita dei…

“La fascia di età 20-29 anni segnala il maggior numero di casi in aumento seguita dalle fasce 10-19 e 30-39”. Guardando alle ospedalizzazioni nei più giovani, prosegue Brusaferro: “Sono limitate ma sono in crescita, anche se nell’ultima settimana sembrano in qualche modo contrarsi. (Il Fatto Quotidiano)

Sicuramente nei prossimi giorni Omicron sarà variante dominante", ha spiegato il presidente dell'Istituto Superiore di Sanità Prevalenza Omicron. "La variante Omicron ha una prevalenza dell'80.75% su un campione di 2571 sequenze. (Fanpage.it)

Così il presidente Iss Silvio Brusaferro commentando il monitoraggio settimanale. Secondo le proiezioni il carico sarà maggiore, appunto, per i posti di area medico e “più contenuto” per le terapie intensive (Il Fatto Quotidiano)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr