Il Fisco e le prove di riforma: non solo Irpef, la questione delle aliquote e della base imponibile

Il Fisco e le prove di riforma: non solo Irpef, la questione delle aliquote e della base imponibile
Corriere della Sera ECONOMIA

L’unica riforma fiscale vera recente è quella dall’amministrazione Trump, che mirava a rivedere la tassazione delle multinazionali Usa.

L’ex presidente statunitense Donald Trump: sua la riforma fiscale americana La prima regola è sicuramente quella di volare basso ed evitare «vasti programmi».

Ma se a sopportare una scala molto progressiva sono solo alcune basi, forse si dovrebbe ripensare il sistema, anche se potrebbe voler dire un diverso peso della progressività

Ha senso perseverare con una progressività aggressiva solo su alcune basi imponibili, quando altre basi la riescono sostanzialmente ad evitare?

È ripartito il cantiere della riforma fiscale. (Corriere della Sera)

Ne parlano anche altre fonti

Il Pd (partito democratico) e Leu (Liberi e uguali) puntano a un sistema simile a quello tedesco, con un’aliquota continua che modifichi l’attuale criterio degli scaglioni IRPEF. Anche i partiti di centrodestra presentano proposte per rimodulare gli scaglioni IRPEF: Forza Italia porterebbe a tre il numero degli scaglioni dagli attuali cinque, il Carroccio si esprime per una rimodulazione e per l’innalzamento della no tax area a 10mila euro. (PMI.it)

In questo senso, la no tax area potrebbe salire fino a 10mila euro Per arrivare gradualmente a questo obiettivo, si suggerisce di avviare una flat tax del 15% sugli incrementi di reddito. (Notizieora.it)

Anche Forza Italia vorrebbe abolire l’abolizione l’Irap e chiede, come principio generale della riforma del Fisco, l’introduzione di " un tetto massimo alla pressione fiscale ". Nello specifico, la Lega ha l’obietivo primario della flat tax, il Pd l’aumento delle tasse di successione, Leu con la patrimoniale sui più ricchi. (ilGiornale.it)

Riforma Fisco 2021 a luglio. Proposte partiti su Irpef, tasse imprese

Per il M5s la priorità sta nel semplificare deduzioni e detrazioni, mentre, “sotto gli occhi di tutti il maxiscaglione tra la seconda e la terza aliquota che per i redditi tra 28.000 e 55.000 sale di 11 punti, dal 27% al 38%” Le proposte di legge delega per la riforma del fisco, elaborate dai vari gruppi parlamentari, sono state depositate in Commissione Finanze alla Camera. (Wall Street Italia)

Il modello prevede una “no tax area” (una soglia di reddito, 9.000 euro, esente dal pagamento di imposte). Completano il sistema due aliquote fisse: 42% per redditi compresi tra i 54.950 euro e i 260.532; 45% per tutti i redditi che superano i 260.532 euro. (Il Sole 24 ORE)

L’obiettivo comune per la Riforma dell’Irpef sembrerebbe essere quello di alleggerire il carico fiscale sugli italiani che guadagnano dai 28 ai 55mila euro l’anno. In arrivo a fine luglio il disegno di legge delega per la Riforma del Fisco. (The Italian Times)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr