Green Pass europeo: è arrivato il via libera definitivo

Green Pass europeo: è arrivato il via libera definitivo
SiViaggia INTERNO

Il Green Pass non è considerato un documento di viaggio a tutti gli effetti, come il passaporto, e non costituirà una condizione preliminare per la libera circolazione.

Il certificato digitale Covid dell’Ue, consentirà gli spostamenti all’interno dell’Unione con maggiore facilità e la ripresa turistica ed economica dei Paesi membri.

editato in: da. Il Green Pass è passato al voto del Parlamento europeo. (SiViaggia)

Ne parlano anche altri media

Non solo dal fascicolo sanitario elettronico fino alle app Io e Immuni, ma anche tramite medico di base, pediatra o dal farmacista Mentre l'iter formale va concludendosi però, diventa anche via via più chiaro come sarà, in versione definitiva, questo "passaporto vaccinale" che avrà il compito di attestare l'avvenuta vaccinazione dei viaggiatori, la loro guarigione o l'essere risultati negativi ad un tampone. (Il Messaggero)

Il certificato non costituirà una condizione preliminare per la libera circolazione e non sarà considerato un documento di viaggio. I Paesi dell’UE sono incoraggiati a garantire che i test abbiano prezzi abbordabili e siano ampiamente disponibili (Corriere del Ticino)

Tutti i Paesi dell'Ue devono accettare i certificati di vaccinazione rilasciati in altri Stati membri per i vaccini autorizzati dall'Agenzia europea per i medicinali (Ema) Un quadro comune dell'Ue renderà i certificati compatibili e verificabili in tutta l'Unione europea, oltre a prevenire frodi e falsificazioni. (Adnkronos)

Green pass, via libera dal Parlamento UE

Sulla crisi pandemica c’è “‘cauto ottimismo” perché “ci siamo resi conto che siamo riusciti ad aumentare la capacità di produzione dei vaccini e la consegna. Dopo il via libera del Parlamento, il testo dovrà essere formalmente adottato dal Consiglio, convertito in legge e pubblicato nella gazzetta ufficiale dell’Ue. (LaPresse)

Sono i risultati della sessione della plenaria di ieri annunciati oggi dal presidente del Parlamento europeo David Sassoli Bruxelles, 9 giu. (LaPresse)

Via libera definitivo del Parlamento europeo al certificato digitale Covid. Il testo dovrà ora essere formalmente adottato dal Consiglio e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale, per l’entrata in vigore e l’applicazione immediata dal primo luglio 2021. (Ticinonews.ch)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr