Autostrade e Florentino Pérez, così il Movimento 5 Stelle rischia la sconfitta nella ‘guerra’ ai Benetton

Il Riformista ECONOMIA

L’entrata in campo di Pérez rischia di scombussolare i piani del Movimento 5 Stelle, che della cacciata dei Benetton ha fatto una questione di principio: il governo Conte aveva raggiunto l’accordo per far entrare CDP nella maggioranza di Autostrade per l’Italia, lasciando ad Atlantia quote non oltre il 10 per cento.

In termini ‘spicci’ vorrebbe dire che la famiglia Benetton, nemico pubblico numero uno del Movimento 5 Stelle, uscirebbe da ASPI con la cessione a Pérez per rientrarvi dalla finestra come socio di Abertis

Era questo l’obiettivo del Movimento 5 Stelle dal noto disastro del ponte Morandi di Genova, crollato il 14 agosto del 2018 provocando la morte di 43 persone. (Il Riformista)

La notizia riportata su altri giornali

L’offerta last-minute del polo spagnolo Acs-Abertis ad Atlantia per Autostrade per l’Italia guarda a una situazione-obiettivo abbastanza leggibile. E che dire del gruppo Vivendi che da anni assedia Fininvest, con la Corte di giustizia Ue all’offensiva del duopolio tv “sovranista” fra Rai e Mediaset? (Il Sussidiario.net)

Che però, in questa intervista, lancia un nuovo altolà ad Atlantia e ai Benetton: «Bisogna evitare di perdere altro tempo, niente farse». L’esponente dei 5 Stelle auspica che Cdp resti della partita e che Autostrade possa restare sotto il controllo italiano e non esclude che in caso di necessità il governo possa ricorrere al golden power per difendere questa infrastruttura strategica. (La Stampa)

Dentro Abertis c’è Atlantia, la società attraverso cui i Benetton controllano oggi Autostrade. Pérez ha in mente una fusione: tra Abertis, la società delle autostrade spagnole, e Autostrade, non più per l’Italia ma con bandiera rosso-oro. (L'HuffPost)

Il presidente di un illustre club straniero secondo quanto riportato da Financial Times sembra intenzionato a fare un’importante offerta per l’acquisizione delle autostrade italiane. La proposta di Perez per Autostrade vale dieci miliardi di euro. (ContoCorrenteOnline.it)

Il vero nodo della questione ora riguarda i tempi: non si può allungare ulteriormente, serve una stretta al più presto Le sue parole, però, vanno in una direzione ben precisa: “Mi auguro che l’asset, uno dei più importanti, resti italiano“. (FormulaPassion.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr