Vaccini, la Liguria ferma anche i vaccini Johnson & Johnson per gli under 60

La Repubblica ECONOMIA

La Liguria ha deciso lo stop alla somministrazione del vaccino Johnson&Johnson agli under 60.

Tutte le persone under 60 che avevano in programma la somministrazione del vaccino Johnson, manterranno l'appuntamento ma saranno vaccinate con un prodotto mRNA

L'agenzia sanitaria Alisa, recepito il verbale del CTS di venerdì 11 giugno, "ha immediatamente inviato a tutte le Aziende sociosanitarie e ospedali della Liguria l'indicazione per l'impiego del vaccino Johnson esclusivamente nei soggetti di età superiore a 60 anni" si legge in una nota. (La Repubblica)

Su altri giornali

Altri contenuti a tema. Ad Andria somministrato vaccino al 46 per cento della popolazione Più di un quarto della popolazione pugliese, ha ricevuto una immunizzazione completa nei confronti del coronavirus. (AndriaViva)

"Il Policlinico di Bari ha segnalato all'Aifa un sospetto evento avverso di tipo ischemico, verificatosi in periodo successivo a vaccinazione". Le condizioni sono però peggiorate e il 12 giugno il 54enne è stato portato al pronto soccorso del Policlinico e ricoverato in rianimazione. (IL GIORNO)

Il vaccino anglo-svedese, infatti, sembra essere incline a causare effetti collaterali alle donne di una determinata fascia d’età. La campagna infatti sembra aver preso finalmente la giusta direzione, allo stesso tempo però, con l’aumento delle inoculazioni stanno aumentando anche i casi di effetti collaterali. (CheNews.it)

E ora un paziente di 54 anni è ricoverato in rianimazione al Policlinico di Bari. Nelle ultime ore è partita la segnalazione all’Aifa, l'Agenzia Italiana del Farmaco, e al ministero della Salute dopo una valutazione sul suo stato. (RagusaNews)

– Un 54enne del barese è ricoverato in rianimazione al Policlinico di Bari per una ischemia. Le condizioni del 54enne si sono aggravate, al punto da rendere necessario, due giorni fa, il ricovero al Policlinico di Bari nel reparto di rianimazione (TeleRama News)

Nelle ultime ore è partita la segnalazione all’Aifa, l'Agenzia Italiana del Farmaco, e al ministero della Salute dopo una valutazione sul suo stato. L’uomo è arrivato al pronto soccorso due giorni fa: le sue condizioni erano apparse da subito preoccupanti. (La Stampa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr