Via Lattea, la prima immagine del buco nero Sagittarius A* spiegata dagli scienziati

Via Lattea, la prima immagine del buco nero Sagittarius A* spiegata dagli scienziati
Repubblica TV SCIENZA E TECNOLOGIA

Insieme alla collega astrofisica e ricercatrice Inaf Elisabetta Liuzzo, Goddi ci guida nei segreti di una fotografia che rappresenta una scoperta scientifica storica.

"L'abbiamo sognata per più di vent'anni e ora finalmente eccola qua".

Un'impresa che ha richiesto cinque anni solo per elaborare la gigantesca mole di dati raccolti nel corso di una manciata di notti da otto radiotelescopi distribuiti nei quattro angoli della Terra, dal Polo Sud alla cordigliera delle Ande. (Repubblica TV)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Delle 66 antenne complessive di Alma 25 sono state realizzate in Europa, e a sviluppare il cuore del loro sistema di controllo e precisione è stata Microgate, innovativa azienda bolzanina, che ha dato così il suo contributo tecnologico al raggiungimento di un traguardo storico per la scienza. (Sky Tg24 )

La foto che lo ritrae è stata scattata con la stessa tecnica della prima foto di un buco nero, M87*. Tra noi e il buco nero ci sono quindi grandi quantità, oltre che di stelle, di polveri e gas (Focus)

Eccola la prima immagine reale di Sagittarius A*, il buco nero al centro della via Lattea. Descritta poi come la «foto del secolo», l’immagine è comunque deformata, a causa delle distorsioni dello spazio-tempo indotte dal buco nero. (Corriere della Sera)

Buco nero al centro della Via Lattea: la prima immagine catturata dal Event Horizon Telescope

Se siete iscritti a BadTaste+ ditecelo nei commenti qua sotto! Il motivo è semplice: nel 1997 è uscito nei cinema Punto di non ritorno (titolo originale Event Horzon), la pellicola di Paul W. S Anderson in cui Sam Neill aveva a che fare, fra le altre cose, anche con un buco nero. (BadTaste.it Cinema)

l buco nero non è visibile direttamente perché non emette luce: si vede uno spesso anello di gas brillante, delle dimensioni che avrebbe se fosse intorno alla Luna, che circonda una regione centrale scura chiamata 'ombra', dove risiede. (Sky Tg24 )

Ecco il “suono” emesso dal buco nero (ascoltatelo con le cuffiette, mi raccomando! Dopo averlo visto per la prima volta, solo qualche giorno fa, ora siamo in grado anche di sentire il suono che fa un buco nero all'interno della nostra galassia. (greenMe.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr