Tokyo 2020, esistono davvero nel Villaggio i letti antisesso? Un atleta li ha messi alla prova

Tokyo 2020, esistono davvero nel Villaggio i letti antisesso? Un atleta li ha messi alla prova
Più informazioni:
La Repubblica SPORT

Aveva torto Paul Chelimo, mezzofondista statunitense di origine keniota: i letti in cartone riciclabile presenti nelle stanze del Villaggio olimpico di Tokyo non sono ‘anti-sesso’.

Tokyo 2020, letti anti-sesso al villaggio olimpico.

Sono fatti di cartone, sì, ma a quanto pare sono destinati a rompersi con movimenti improvvisi

"I letti sono pensati per essere anti-sesso.

Il video del ginnasta irlandese chiarisce tutto. (La Repubblica)

Su altre fonti

Stranamente, peraltro, le autorità regionali in Giappone non sono obbligate a segnalare i casi quando sono specificamente collegati ai Giochi Oltre ai 75 casi registrati dagli organizzatori dei Giochi, altri quattro test positivi sono stati registrati dalle prefetture giapponesi. (Corriere della Sera)

"Abbiamo appreso - ha detto ai giornalisti il presidente di Tokyo 2020, Seiko Hashimoto - che in una performance artistica passata" Kentaro Kobayashi "ha usato un linguaggio irrispettoso su un tragico fatto storico". (Sky Tg24 )

A causa del propagarsi delle varianti e dello stato attuale logistico-sanitario legato alla pandemia, la Guinea – stato dell’Africa Occidentale che si affaccia sull’Oceano Atlantico – ha deciso di ritirare in toto la sua delegazione che avrebbe dovuto partecipare alle Olimpiadi di Tokyo (OA Sport)

Tokyo 2020, atleta ugandese che era scomparso in Giappone torna a casa

Tokyo 2020, Giochi a ostacoli: un positivo sull'aereo spaventa gli azzurri dalla nostra inviata Alessandra Retico. (afp). È un giornalista, ma non è stato a contatto con gli atleti che non saranno isolati (La Repubblica)

(LaPresse/AP) – Il comitato organizzatore delle Olimpiadi di Tokyo ha licenziato il direttore della cerimonia di apertura a causa di uno scherzo sull’Olocausto che ha fatto durante uno spettacolo comico nel 1998 (LaPresse)

L'uomo trovato nella prefettura centrale di Mie martedì dalla polizia era proprio il ventenne sollevatore di pesi Ssekitoleko, come ha confermato l'ambasciata ugandese a Tokyo: "Qualsiasi problema abbia a che fare con la presunta fuga da quello che doveva fare al suo arrivo in Giappone e la relativa scomparsa dal campo di allenamento, sarà gestito in modo appropriato al suo ritorno" L'atleta dell'Uganda che era scomparso la scorsa settimana dal suo campo di allenamento pre-olimpico nel Giappone occidentale è stato trovato ed è tornato nel suo Paese d'origine mercoledì sera, hanno detto i funzionari. (Adnkronos)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr